VITAMINA B 1


 

In breve:

* La sindrome da carenza di tiamina (vitamina B1) ha molte somiglianze con la sepsi - una causa primaria di mortalità legata al COVID-19 - e la carenza di tiamina è relativamente comune nei pazienti in condizioni critiche * La carenza di tiamina è prevalente nella tubercolosi polmonare. Più grave è il caso, più grave è la carenza di tiamina. È stato dimostrato che la vitamina B 1 limita la tubercolosi del Mycobacterium regolando l'mmunità innata

* La carenza di tiamina è anche associata allo sviluppo della febbre e alcuni ricercatori sostengono che le gravi infezioni possono in effetti essere una manifestazione di carenza di tiamina

* I casi clinici hanno mostrato che le iniezioni di tiamina hanno invertito una serie di malattie acute caratterizzate da febbre alta

* La tiamina è necessaria per il metabolismo di alcuni dei metaboliti della vitamina C. La vitamina C funziona anche in sinergia con i corticosteroidi, il che aiuta a spiegare perché il protocollo per la sepsi di Marik è così efficace. Il magnesio può anche essere importante, poiché è necessario per l'attivazione della tiamina

Mentre un numero limitato di farmaci è stato impiegato nel trattamento dell'infezione da coronavirus grave (SARS-CoV-2), un buon numero di integratori alimentari è salito in primo piano per la loro evidente utilità. Oltre alla quercetina, allo zinco e alle vitamine C e D, la vitamina B1 (tiamina) può avere un ruolo nella protezione contro le malattie respiratorie infettive.

 

La tiamina fa parte del trattamento della sepsi del Dr. Paul Marik, che prevede 1.500 milligrammi (mg) di acido ascorbico endovenoso ogni sei ore, 200 mg di tiamina ogni 12 ore e 50 mg di idrocortisone ogni sei ore. (1)

 

La sepsi, è uno dei principali responsabili delle morti per influenza in generale e rappresenta una causa primaria delle morti per COVID-19 in particolare. In uno studio clinico, (2), (3) Marik, un medico di terapia intensiva presso il Sentara Norfolk General Hospital nella Virginia orientale, con il suo trattamento ha ridotto la mortalità per sepsi di quasi cinque volte.

 

Ricerche più recenti, (4), (5) pubblicate online il 9 gennaio 2020, hanno confermano che il protocollo per la cura della sepsi di Marik ha abbassato la mortalità anche nei pazienti pediatrici. Al trentesimo giorno, il gruppo di controllo e il gruppo trattato con solo idrocortisone avevano un tasso di mortalità del 28%, mentre il gruppo trattato con il protocollo di Marik aveva un tasso di mortalità del 9%.

La vitamina C, la tiamina e gli steroidi hanno effetti sinergici

Tutti e tre gli ingredienti del protocollo di sepsi di Marik hanno effetti sinergici, il che sembra essere il motivo per cui risulta efficace. La vitamina C è nota per la sua capacità di prevenire e curare da sola le malattie infettive.

 

L'influenza, l'encefalite (6) e il morbillo (7) sono stati tutti trattati con successo con la vitamina C ad alte dosi e ricerche precedenti hanno dimostrato che riduce efficacemente le citochine proinfiammatorie e le proteine C-reattive. (8), (9), (10)

 

Vitamina C e corticosteroidi, hanno dimostrato di funzionare in sinergia. Ciò è stato evidenziato in uno studio (11) di Marik in collaborazione con John Catravas, Ph.D, ricercatore di farmacologia presso la Old Dominion University, in cui le cellule endoteliali del tessuto polmonare erano esposte al lipopolisaccaride - un tipo di endotossina trovata nei pazienti con sepsi - in assenza o presenza di acido ascorbico e idrocortisone.

 

È interessante notare che quando la vitamina C o lo steroide sono stati somministrati isolatamente, si è verificato un piccolissimo miglioramento della funzione di barriera endoteliale. Se somministrati insieme, tuttavia, l'infezione è stata eliminata con successo e le cellule sono tornate alla normalità.

 

Anche l'aggiunta di tiamina (vitamina B1) è importante, non solo è necessaria per il metabolismo di alcuni dei metaboliti della vitamina C. La sindrome da carenza di tiamina (beriberi) ha molte somiglianze con la sepsi e la carenza di tiamina è relativamente comune nei pazienti critici. (12)

 

Come notato in uno studio del 1955, (13) la carenza di tiamina è anche prevalente nella tubercolosi polmonare e, più grave è la patologia,  più grave risulta la carenza di tiamina.

 

Gli studi hanno anche dimostrato che la tiamina può essere utile per un lungo elenco di malattie e disturbi, tra cui: disturbi mitocondriali, (14) insufficienza cardiaca, (15) delirio, (16) affaticamento della tiroide e Hashimoto (un disturbo autoimmune della tiroide). (17) Questi e altri effetti sulla salute possono aiutare a spiegare perché la tiamina funziona così bene per la cura della sepsi in combinazione con la vitamina C e l'idrocortisone.

 

La carenza di tiamina è implicata nelle infezioni gravi

La carenza di tiamina è anche implicata specificamente nelle infezioni gravi. Uno studio del 2016 (18) sulla rivista Psychosomatics ha cercato di indagare su questo aspetto osservando 68 pazienti con sindrome di Korsakoff, un disturbo della memoria causato da una grave carenza di tiamina.

 

Come spiegato dall'Associazione Alzheimer, la carenza di tiamina è spesso il risultato dell'abuso di alcol, ma è anche associata a infezioni croniche, cattiva alimentazione e/o malassorbimento. 

 

“La tiamina aiuta le cellule cerebrali a produrre energia dallo zucchero. Quando i livelli scendono troppo, le cellule cerebrali non possono generare abbastanza energia per funzionare correttamente. " (19)

 

Nello studio di Psychosomatics, hanno accertato che 35 su 68 pazienti affetti da sindrome di Korsakoff hanno sofferto di gravi infezioni durante la fase acuta della malattia, in particolare meningite, polmonite e sepsi. Secondo gli autori, "Le infezioni possono essere la manifestazione di carenza di tiamina".

La Tiamina aiuta a regolare la funzione immunitaria

Un altro studio (20) pubblicato nel 2018 riporta che la tiamina, regolando la immunità innata, aiuta a limitare il Mycobacterium tuberculosis (MTB). Secondo questo documento:

 

“… La vitamina B1 stimola la risposta immunitaria protettiva per limitare la sopravvivenza dell'MTB nei macrofagi attraverso la regolazione del recettore γ attivato dal proliferatore dei perossisomi (PPAR-γ).

 

La vitamina B1 promuove la polarizzazione dei macrofagi in fenotipi attivati classicamente con una forte attività microbicida e una maggiore espressione del fattore necrosi tumorale-α e interleuchina-6 promuovendo, almeno in parte, la segnalazione del fattore nucleare-κB.

 

Inoltre, la vitamina B1 aumenta la respirazione mitocondriale e il metabolismo lipidico e i PPAR-γ integrando i segnali metabolici e infiammatori regolati dalla vitamina B1 ... Abbiamo dimostrao che la vitamina B1 migliora le attività anti-MTB nei macrofagi regolando l'attività PPAR-γ verso il basso.

 

I nostri dati dimostrano importanti funzioni della tiamina VB1 nella regolazione delle risposte immunitarie innate contro la MTB e rivelano nuovi meccanismi attraverso i quali la vitamina B1 esercita la sua funzione sui macrofagi. "

Il legame tra carenza di tiamina e febbre

La carenza di tiamina è anche associata allo sviluppo della febbre alta e, secondo una lettera all'editore, (21) "Parenteral Thiamin è un super antibiotico?" pubblicato negli Annali di Nutrition & Metabolism nel 2018, le iniezioni di tiamina sono "suscettibili di eradicare le infezioni microbiche" che causano la febbre.

 

Gli autori citano alcuni casi clinici in cui le iniezioni di tiamina sono state in grado di invertire una serie di malattie acute caratterizzate da febbre alta, compreso un caso in cui il paziente presentava febbre alta, mal di testa e asfissia (sensazione di soffocamento) e un altro caso dove un paziente in coma aveva febbre alta e polmonite grave.

 

"... un altro lavoratore con polmonite molto più mite, febbre a 38 ° C con lievi difficoltà respiratorie al polmone sinistro è morto nell'arco di 24 ore sebbene sia stata utilizzata una dose intera di penicillina G, ma non tiamina".

 

“Questo profondo contrasto tra i due casi ha fatto una tale impressione da essere ricordato cinquantasei anni dopo, ed è diventato un suggerimento salvavita per i casi critici di polmonite virale fatale. "

 

Gli autori descrivono in dettaglio un caso ancora più straordinario che coinvolge una donna cinese di 38 anni che fu portata in ospedale con febbre alta (da 39 a 40 gradi C), dolore, gambe gonfie e espettorato sanguinante. Dai test di laboratorio è stato accertato che era anemica e aveva le piastrine basse, polmonite grave, trombosi femorale e insufficienza cardiaca. Era anche positiva all'epatite C.

 

"Uno studio di identificazione esauriente ha rivelato che l'agente patogeno della sua polmonite era stato diagnosticato come un tipo sconosciuto di virus". Gli autori specificano che "Le lesioni polmonari erano estremamente gravi, strane e rare con molteplici piccole perforazioni nel polmone sinistro ...

 

Dopo 12 giorni di immunoglobuline, farmaci antivirali, antitrombotici e antipiretici, la paziente stava per morire e la sua famiglia la portò prontamente a casa ... A casa, le sono stati iniettati tre volte al giorno 200 mg di tiamina e VB complesso 1 (contenente tiamina 10 mg, riboflavina 2 mg, niacinamide 30 mg, piridossina 2 mg, acido pantotenico 1 mg).

 

La temperatura è tornata alla normalità dopo 2 giorni e l'edema alle gambe è scomparso in 5 giorni ... Dopo 58 giorni, è stata controllata all'ospedale di Beichen ... I risultati hanno rivelato il cuore nella normalità; epatite C negativa ... meno versamento nella cavità toracica sinistra; spessore pleurico soprattutto sul lato sinistro ma nessuna adesione. La perforazione polmonare era assente ... Successivamente ha goduto di ottima salute senza alcun segno di embolia o polmonite recidiva. "

 

Circa 10 mesi dopo il suo ricovero iniziale ha subito un secondo controllo, che ha rivelato l'emocromo e l'elettrocardiogramma normali. Anche i polmoni ai raggi X sembravano completamente normali, "senza ispessimento o adesione della pleura, tranne che per alcuni ispessimenti della struttura dei polmoni".

 

Gli autori, si sono posti l'interrogativo se la tiamina potesse essere "un super antibiotico". "Sembra sicuramente così e sta emergendo che la vitamina B 1 può essere una buona alternativa nei casi di fallimento degli antibiotici".

La carenza di tiamina potrebbe avere un impatto pandemico

L'Organizzazione mondiale della sanità ha pubblicato delle informazioni sull'importanza della tiamina e su come prevenire le carenze durante le emergenze gravi. (22) Secondo l'OMS:

 

“ La carenza di tiamina si verifica quando la dieta consiste principalmente in cereali bianchi macinati, tra cui riso lucido e la farina raffinata di grano, tutte fonti molto povere di tiamina. La carenza di vitamina B 1 può manifestarsi entro 2-3 mesi dopo una alimentazione carente e può essere causa di disabilità e morte. "

 

Altre prove suggeriscono che l'insufficienza o la carenza di tiamina può svilupparsi anche più rapidamente, forse in un tempo di due settimane, poiché la sua emivita nel sistema è di soli 9-18 giorni. (23)

 

Il rapporto dell'OMS sottolinea inoltre che "la carenza di tiamina può verificarsi nelle persone socialmente isolate, che soffrono di perdita di appetito e di auto-abbandono" - un punto particolarmente pertinente nelle attuali circostanze dei requisiti globali di "isolamento".

 

In più: “Il fabbisogno di tiamina è aumentato da quando i carboidrati vengono assunti in grandi quantità e durante i periodi di accelerazione del metabolismo, ad esempio negli stati febbrili, di attività muscolare, di ipertiroidismo e anche durante la gravidanza e l'allattamento."

 

A parte il riso, anche i cibi spazzatura di tutti i tipi tendono a essere carichi di carboidrati, per cui potrebbe essere necessario un apporto di tiamina superiore al normale al fine di prevenire gli effetti collaterali della carenza.

 

Negli adulti, la carenza di tiamina può essere di due tipi: (24), (25)

  • Beriberi secco (carenza di tiamina con neuropatia periferica) - Polineuropatia con parestesia delle estremità (in particolare le gambe), riflessi tendinei, debolezza progressiva grave, deperimento dei muscoli e aumento della suscettibilità alle infezioni.
  • Beriberi umido (carenza di tiamina con cardiomiopatia) - Edema (soprattutto delle gambe, ma anche del tronco e del viso), aumento della portata cardiaca, insufficienza ventricolare, ritmo sinusale, dilatazione delle arteriole, eritrocita depresso, transketolasi leucocitaria, elevato lattato e piruvato sierico, congestione polmonare con versamenti pleurici. La morte per insufficienza cardiaca congestizia può verificarsi bruscamente.

La carenza di tiamina aumentando sensibilmente la suscettibilità alle infezioni, potrebbe potenzialmente avere un impatto sulla diffusione di qualsiasi malattia infettiva pandemica.

 

L'importanza della tiamina nello shock settico

Per il COVID-19 - la tiamina può essere di vitale importanza. In un articolo pubblicato sul Journal of Thoracic Disease con il titolo evocativo, "Do Not Forget to Give Thiamine to Your Septic Shock Patient!” gli autori sottolineano che: (26)

 

“La tiamina è una vitamina idrosolubile componente indispensabile del metabolismo cellulare. La mancanza di questa vitamina può quindi essere potenzialmente pericolosa per la vita ... Il difosfato di tiamina, noto anche come pirofosfato di tiamina (TPP) ... è la forma più importante e attiva di questa vitamina ...

 

Il pirofosfato di tiamina ... agisce in concomitanza con il magnesio per accelerare varie reazioni di decarbossilazione ossidativa mitocondriale.

 

Il pirofosfato di tiamina è necessario come cofattore per il complesso chetoacido deidrogenasi a catena ramificata essenziale per il metabolismo degli aminoacidi a catena ramificata e per due complessi critici richiesti per la sintesi mitocondriale dell'adenosina trifosfato (ATP): piruvato e 2-ossoglutarato deidrogenasi (α -ketoglutarate) complessi ...

 

Inoltre, il TPP funge da coenzima per la transketolasi, un enzima citosolico implicato nella via del pentoso fosfato che funziona nel mantenimento dello stato redox cellulare attraverso la produzione di NADPH (nicotinamide adenina dinucleotide fosfato ridotta) e glutatione ...

 

La mancanza di tiamina porta ad alterazioni del metabolismo intermedio che finiscono con l'acidosi lattica ...

 

La carenza di tiamina è prevalente anche nei pazienti con shock settico, i cui tassi che vanno dal 20% al 70% a seconda del valore di cutoff utilizzato per definire la presenza di carenza di tiamina. La mancanza di tiamina riduce il flusso di piruvato nel ciclo di Krebs, aumentando così la produzione di lattato e alterando il metabolismo aerobico.

 

In uno studio prospettico osservazionale, Donnino et al. ha studiato il rapporto tra i livelli di tiamina e l'acidosi lattica in 30 pazienti con shock settico ...

 

Dopo aver escluso i pazienti con test di funzionalità epatica anormali, i ricercatori hanno osservato una significativa correlazione negativa tra le concentrazioni di tiamina e l'acidosi lattica. Pertanto, diminuendo l'attività del complesso piruvato deidrogenasi, la carenza di tiamina può contribuire ad aumentare la produzione di acido lattico nei pazienti settici in condizioni critiche. "

 

Gli autori citano ulteriori ricerche che sostengono fortemente che "la somministrazione di tiamina è vantaggiosa nei pazienti con shock settico con grave carenza di tiamina (livello di tiamina ≤7 nmol / L)." Considerando la sicurezza della tiamina, anche a dosi elevate, gli autori sottolineano che "ai pazienti con shock settico dovrebbe essere somministrata la tiamina ... senza attendere i risultati della determinazione del livello di tiamina".

 

Le linee guida della European Society for Clinical Nutrition and Metabolism per i pazienti in terapia intensiva sono la somministrazione da 100 a 300 mg di tiamina al giorno "durante i primi tre giorni in terapia intensiva per tutti i pazienti con sospetta carenza di tiamina". (27) In caso di shock settico, tuttavia, possono essere richiesti dosaggi di 500 mg: (28)

 

"Poiché in rari casi è stata segnalata anafilassi, le linee guida nel Regno Unito hanno raccomandato di somministrare la tiamina in un intervallo di 15-30 minuti in  miscela con una soluzione salina o di destrosio per evitare potenziali reazioni avverse".

 

Vitamina C, D, tiamina e magnesio per le malattie critiche

Un rapporto del 2018 (29) di Medicina intensiva riguarda anche la tiamina in combinazione con le vitamine C e D. Fa riferimento alla ricerca in cui i pazienti con shock settico e con deficit di tiamina ai quali era stata somministrata vitamina B 1 avevano un tasso di mortalità molto inferiore (13%) rispetto a coloro ai quali non era stata somministrata (46%). (30) Avevano anche una probabilità nettamente inferiore di andare incontro a insufficienza renale.

 

Come la tiamina, la carenza acuta di vitamina C è molto comune nel corso delle malattie critiche ma tende a passare inosservata. Come notato in questo rapporto, "La carenza acuta di vitamina C può contribuire all'ipotensione, all'infiammazione, alla perdita capillare, alla compromissione microcircolatoria, alla lesione degli organi ossidativi, all'indebolimento delle difese immunitarie e alla difficoltà di guarigione delle ferite".

 

Anche la carenza di vitamina D è comune e può peggiorare le situazioni patologiche e aumentare il rischio di morte per malattia acuta. Secondo gli autori di questo rapporto:

 

" I dati preliminari che utilizzano nuovi metodi indicano che il metabolismo del glutatione e della via del glutammato, importanti per la regolazione redox e l'immunomodulazione, sono influenzati dal livello della vitamina D ...

 

Sorprendentemente, il magnesio, in questo contesto, non ha ricevuto molta attenzione. Tuttavia può essere importante per la prevenzione e il trattamento delle infezioni, dato che risulta  necessario per l'attivazione sia della tiamina (31) che della vitamina D. (32), (33), (34)

 

Fonti e riferimenti: