COME L'OBESITA' DANNEGGIA IL CERVELLO


I tassi di obesità sono triplicati in tutto il mondo dal 1975 e, nel 2016, il 39% degli adulti risultava in sovrappeso e il 13% obeso. (1) I rischi associati alla salute come le malattie cardiache e il diabete sono ben noti, ma molti non sono consapevoli che anche il cervello potrebbe essere affetto da obesità.

 

Anche i tassi di patologie neurodegenerative, tra cui la demenza, sono in aumento, con una stima di 115 milioni di persone che potrebbero soffrire di demenza entro il 2050. (2) È possibile che l'aumento dei tassi di obesità possa essere la forza trainante di questo problema crescente e in gran parte prevenibile. 

L'obesità può ridurre le dimensioni del cervello

Una ricerca pubblicata su Radiology ha rilevato che l'obesità può portare ad alterazioni della struttura cerebrale, riducendo le dimensioni di alcune regioni. (3) Tra gli uomini, la percentuale di grasso corporeo elevata è stata collegata ad un volume inferiore della materia grigia del cervello. In particolare, una percentuale di grasso corporeo totale maggiore del 5,5% è stata associata alla riduzione di 3.162 mmc di volume della materia grigia. (4)

 

La materia grigia è lo strato esterno del cervello legato alle funzioni cerebrali di alto livello come la risoluzione dei problemi, il linguaggio, la memoria, la personalità, la pianificazione e il giudizio. Tra gli uomini, una percentuale di grasso corporeo totale superiore al 5,5% è stato anche associato a un volume pallido inferiore di 27 millilitri cubici, un'associazione osservata anche nelle donne.

 

Nelle donne, la percentuale di grasso corporeo totale maggiore del 6,6% è stata associata a un volume pallidus di globus inferiore di 11,2 mm3. Il globo pallido (struttura subcorticale del cervello) è una regione del cervello che svolge un'azione di supporto per una serie di funzioni, tra cui la motivazione, la cognizione e l'azione. (5) L'obesità è stata anche associata a cambiamenti nella microstruttura della materia bianca correlata alla funzione cognitiva. (6)

 

I ricercatori hanno anche osservato che ".. le differenze tra i sessi sono evidenti riguardo alle associazioni negative del grasso corporeo totale (TBF) e volumi subcorticali di materia grigia, tra cui il globo pallido e il nucleo caudato, associati al circuito di ricompensa degli stimoli legati al cibo. " (7)

 

Ricerche precedenti hanno dimostrato inoltre che le persone obese hanno concentrazioni più elevate di placca beta-amiloide nel cervello, associata alla malattia di Alzheimer, rispetto alle persone non-obese.

 

Negli studi post-mortem, "i cambiamenti neuropatologici di tipo Alzheimer, frequenti nel nostro piccolo campione di individui anziani patologicamente obesi senza storia clinica di compromissione cognitiva, erano vicini a quelli osservati nella malattia di Alzheimer ..." (8)

Il grasso della pancia è collegato anche al restringimento del cervello

Il grasso corporeo in eccesso è stato collegato ai cambiamenti cerebrali per decenni. Nel 2010, i ricercatori hanno scoperto che il grasso viscerale (addominale) è associato a un volume cerebrale inferiore anche tra gli adulti sani di mezza età. (9)

 

In uno studio separato condotto su oltre 9.600 partecipanti con un'età media di 55 anni sui quali è stato determinato l'indice di massa corporea (BMI), una formula imperfetta che divide il peso per il quadrato dell'altezza e il rapporto vita-fianchi ( WHR), è stata trovata anche una correlazione.

 

I partecipanti sono stati sottoposti a risonanza magnetica strutturale, che ha fornito immagini cerebrali, e ha consentito ai ricercatori di misurare il volume di materia grigia e bianca nel cervello. Dopo aver tenuto conto di altri fattori di rischio, come il fumo e il livello di attività fisica, i ricercatori hanno trovato un certo collegamento tra l'indice di massa corporea e la riduzione del volume di materia grigia.

 

Tuttavia, è stata trovata una correlazione molto più significativa per le persone con elevato BMI e WHR. "La combinazione di obesità generale e obesità addominale è associata a un volume di materia grigia più basso rispetto a quello riscontrato negli adulti magri", hanno osservato i ricercatori. (10)

 

I partecipanti con un BMI e WHR in un range salutare avevano un volume medio di materia grigia cerebrale di 798 centimetri cubici mentre si abbassava a 786 centimetri cubici tra quelli con un alto indice di massa corporea e un alto WHR (11)

In che modo l'obesità danneggia il cervello?

L'obesità è associata all'infiammazione e l'infiammazione può aumentare il rischio di demenza. Inoltre, livelli più elevati di marcatori infiammatori sono stati associati a un volume cerebrale più basso, tra cui "una maggiore atrofia del previsto in base all'età"  (12).

 

Gli autori dello studio radiologico ritenevano che il grasso corporeo totale potesse essere associato negativamente al volume del cervello e all'integrità micro strutturale a causa dell'infiammazione sistemica . "Questo è stato supportato dai precedenti risultati dello studio Framingham Heart, che ha dimostrato come diversi biomarcatori infiammatori legati all'obesità sono stati associati anche a un volume cerebrale inferiore". (13), (14)

 

Si ritiene che la resistenza all'insulina, un segno distintivo dell'obesità, sia coinvolta sia nel deterioramento cognitivo sia nella malattia di Alzheimer. Il diabete e i livelli più elevati di glucosio a digiuno sono associati a un volume cerebrale totale inferiore, (15) e persino un lieve aumento di glicemia nel sangue è associato a un elevato rischio di demenza. (16)

 

Scrivendo nel New England Journal of Medicine (NEJM), i ricercatori hanno spiegato: "Livelli più elevati di glucosio possono contribuire a un aumento del rischio di demenza attraverso diversi meccanismi potenziali, tra cui l'iperglicemia acuta e cronica, la resistenza all'insulina e l'aumento della malattia microvascolare del sistema nervoso centrale. " (17)

 

Un altro dei pericoli del grasso corporeo in eccesso, in particolare del grasso viscerale, è legato al rilascio di proteine e ormoni che possono causare infiammazione che a sua volta può danneggiare le arterie e raggiungere nel fegato, influenzando il modo in cui il corpo abbatte zuccheri e grassi.

 

Secondo uno studio dell'Annals of Neurology, "[A] gli ormoni derivati dal dipolo-tessuto, come l'adiponectina, la leptina, la grelina, potrebbero anche svolgere un ruolo nella relazione tra tessuto adiposo e atrofia cerebrale." (18) Inoltre, l'obesità può anche essere associata a un volume più basso nelle regioni del cervello che regolano i circuiti del cibo-ricompensa, (19) forse favorendo l'eccessiva assunzione di cibo.

I neuroni determinano la tendenza a mangiare troppo?

Esistono anche altri legami interessanti tra il cervello, i livelli di grasso corporeo e la inclinazione a mangiare troppo. La corteccia prefrontale (PFC), una regione del cervello coinvolta nel pensiero complesso e nell'autocontrollo, è meno attiva in coloro che mangiano troppo, mentre l'attivazione nella corteccia prefrontale è associata al successo della perdita di peso. (20) In una revisione delle scienze cognitive, i ricercatori hanno spiegato: (21)

 

"Nell'ambiente moderno, l'autoregolamentazione alimentare dipende in modo particolare dalla capacità del PFC di esercitare un controllo modulante sulle scelte alimentari: la modulazione più debole aumenta la probabilità che gli individui consumino un eccesso di cibi appetitosi ad alto contenuto calorico.

 

Nel corso del tempo, il consumo eccessivo e persistente di cibi ricchi di calorie può portare ad un aumento di peso e, successivamente, all'obesità. L'obesità provocata dalla alimentazione può portare a cambiamenti marcati e duraturi nel controllo cognitivo e nella funzionalità PFC che, a sua volta, guida il mantenimento dei comportamenti alimentari. "

 

I ricercatori della Rockefeller University di New York hanno anche identificato un gruppo di neuroni che, quando attivati, riducono l'assunzione di cibo. I neuroni ricettori della dopamina 2 localizzati nell'ippocampo (hD2R) vengono attivati dai segnali alimentari.

 

Tuttavia, i neuroni hD2R si connettono con la corteccia entorinale (LEC) e l'area del setto (SA), e il circuito risultante diminuisce l'assunzione di cibo nei topi. "Complessivamente questi dati descrivono un circuito settale superiore, in precedenza non identificato LEC > ippocampo che regola il comportamento alimentare", ha rilevato lo studio, evidenziando i molti modi in cui il cervello svolge un ruolo intricato nel comportamento alimentare e nell'equilibrio del peso corporeo. (22)

 

"Queste cellule evitano che un animale assuma un eccesso di cibo", ha detto in un comunicato stampa la scrittrice Estefania P. Azevedo, ricercatrice del Laboratorio di Genetica Molecolare. "Sembra che rendano il mangiare meno gratificante e, in questo senso, sintonizzano la relazione dell'animale col cibo" (23)

L'obesità può far invecchiare il cervello più velocemente, una dieta chetogenica può rallentarlo

Uno studio pubblicato sulla rivista Neurobiology of Aging ha anche rilevato cambiamenti strutturali nel cervello delle persone in sovrappeso e obese, tipicamente osservati in individui molto più anziani. In questo caso, il volume di sostanza bianca è diminuisce in relazione all'obesità che corrisponde ad un aumento stimato dell'età cerebrale di 10 anni. (24)

 

È sempre più chiaro che l'obesità sembra aumentare il rischio di neurodegenerazione, non solo attraverso l'infiammazione ma anche con l'aumento dello stress ossidativo. D'altra parte, la restrizione calorica o il digiuno possono aiutare a proteggere il cervello e rallentare l'invecchiamento, così come una dieta chetogenica.

 

La dieta chetogenica è ricca di grassi salutari e povera di carboidrati netti (carboidrati totali meno fibre), stimolando il corpo a iniziare a bruciare i grassi come combustibile principale piuttosto che lo zucchero. Vengono prodotti chetoni, che non solo bruciano in modo efficiente ma sono anche un combustibile superiore per il cervello. I chetoni generano anche meno specie reattive dell'ossigeno (ROS) e meno danni da radicali liberi.

 

Recenti studi hanno anche dimostrato i benefici della chetosi nutrizionale per la salute del cervello. I ricercatori hanno scoperto che una dieta chetogenica migliora la funzione neurovascolare, in parte migliorando il microbioma intestinale. (25)

 

Gli autori,nel loro studio sugli animali, hanno concluso che una dieta chetogenica agisce come una vera "fonte di giovinezza" migliorando significativamente le funzioni neurovascolari e metaboliche, nei confronti degli animali che consumano una dieta senza restrizioni. (26) Il rilascio dei chetoni nel sangue aiuta a preservare il cervello e proteggerlo dai disturbi cognitivi e da altre malattie neurodegenerative. (27)

 

Per approfondimenti vedere: https://www.nutrizionenaturale.org/chetosi-nutrizionale/

Suggerimenti per evitare l'obesità e stimolare la funzione cerebrale

Una dieta chetogenica aiuta a proteggere il cervello dai danni causati dai radicali liberi e fornisce alle cellule il loro carburante preferito, aiutando anche la perdita di peso.

 

Altrettanto importante è il sonno adeguato. I problemi di sonno come l'insonnia possono avere nel tempo un impatto distinto sul cervello, causando una più rapida riduzione rispetto ai soggetti che dormono regolarmente. (28)

 

Dormire per meno di cinque ore a notte favorisce l'aumento del tasso di accumulo di grasso addominale. (29)

 

Per dei suggerimenti per cercare di dormire in modo regolare vedi: https://www.nutrizionenaturale.org/medicina-patologie-e-farmaci/il-sonno-%C3%A8-terapeutico/

 

Avere elevati livelli ematici dell'ormone dello stress, il cortisolo, può compromettere le capacità di pensiero e la memoria nel tempo (30). Ricerche precedenti hanno anche collegato lo stress cronico alla compromissione della memoria di lavoro e ad un aumento del rischio di insorgenza precoce del morbo di Alzheimer. (31)

 

Lo stress cronico può anche fare aumentare il rischio di aumento di accumulo di grasso viscerale nel tempo (32). Significa che è indispensabile affrontare i livelli di stress sia per il cervello che per il mantenimento del peso ideale. Come hanno spiegato i ricercatori di Radiology: (33)

 

"Sono necessarie ulteriori ricerche per valutare i cambiamenti nell'architettura del cervello circa l'obesità nel tempo e le influenze metaboliche quali l'insulino-resistenza e le risposte metaboliche al digiuno e all'esercizio fisico nonchè alle condizioni di alimentazione e riposo.

 

Sono necessarie ulteriori ricerche per indagare fino a che punto una maggiore quantità di tessuto adiposo viscerale (da un'infiammazione metabolica sistemica di basso grado) porta a effetti dannosi sulla struttura del cervello e sul funzionamento cognitivo al di là delle misure dell'obesità generale. "

 

Tuttavia, apportare cambiamenti di stile di vita positivi, tra cui adottare una dieta chetogenica, dormire bene e affrontare lo stress, non ha aspetti negativi e può solo aiutare a raggiungere il peso ideale, sostenendo allo stesso tempo la salute del cervello.