MELONE CANTALUPO


 

"Succulente" è la parola perfetta per la polpa succosa del melone, uno dei frutti estivi più rinfrescanti.

 

È un  componente della famiglia delle cucurbitacee, insieme alle angurie, ai cetrioli, alle zucche ed altre varietà di meloni, come il retato, il melone d'inverno e molte altre varietà antiche. 

 

Già 3000 anni fa i Sumeri conoscevano il melone. In un poema epico Cigalmesh l'eroe mangiava "meloni cassia”, frutti rappresentati sulle tavole imbandite in vari bassorilievi. Oggi la coltivazione si è diffusa in tutti i continenti. 

 

Quando acquistiamo un "cantalupo", quello che siamo abituati a vedere è una superficie esterna costituita da un "reticolato", una specie di mosaico ordinato che si trova sulla superficie esterna. Si possono anche vedere le "costolature" che vanno da un'estremità all'altra del melone. Ma se osserviamo le costolature, di solito non sono molto pronunciate o molto profonde. I meloni con una rete molto evidente e ordinata con leggere o moderate costolature  non sono veri cantalupi ma piuttosto meloni reticolati ( Cucumis melo reticulatus ).

 

I cantalupi (Cucumis melo cantalupensis ) in genere non hanno una vasta rete ordinata e hanno costole molto più marcate e profonde. I veri cantalupi vengono coltivati particolarmente nella regione mediterranea. In realtà, il nome "cantalupo" deriva dal nome di una città in Italia vicino a Roma chiamata Cantalupo in Sabina, dove i semi portati dall'Armenia vennero piantati nei giardini papali nel 1400-1500). 

 

Dato che molte specie di cucurbitacee si possono facilmente incrociare mediante l'impollinazione, nel mercato sono presenti molti meloni ibridi di diverso tipo che combinano le caratteristiche del vero cantalupo con le caratteristiche di altri tipi di meloni.

 

La polpa matura di un melone può variare a seconda dell'ibrido. "Jenny Linds" è un esempio di un ibrido a polpa verde, gli ibridi "Athena" e "Ambrosia" hanno polpa color salmone mentre la polpa degli ibridi di Gurney (TM) in genere hanno un ricco colore arancione. I cantalupi al centro, nella cavità vuota, contengono dei semi commestibili. 

Novità e potenzialità salutari del cantalupo

Poiché la polpa del melone è spesso di colore pastello (rispetto al colore più vivace dei frutti come le arance), a volte dimentichiamo quanto questo frutto sia importante come fonte di vitamina A (sotto forma di carotenoidi). I ricercatori hanno recentemente valutato il contenuto in carotenoidi di sei diversi ibridi di cantalupo coltivati in California e hanno scoperto che il beta-carotene può raggiungere livelli fino a 3.138 microgrammi per 100 grammi di peso fresco. Un valore circa 30 volte superiore al contenuto di beta-carotene delle arance fresche. Sebbene la ricchezza di nutrienti del melone non sia competitiva, in base al contenuto in beta-carotene, con le carote fresche (circa 8.300 microgrammi), è sempre una caratteristica positiva di questo delizioso frutto troppo spesso trascurato.

 

Possiamo rimanere delusi dal risultato di un recente studio francese che ha posto il melone in fondo alla lista dei frutti in termini di contenuto in polifenoli. Frutti come fragole, litchi e uva risultano molto migliori nella loro concentrazione in polifenoli antiossidanti rispetto al melone. Nessun frutto ha ottenuto punteggi più bassi nella sua concentrazione di polifenoli. Ma, se consideriamo la quantità totale di polifenoli che il melone fornisce nella dieta giornaliera media, si classifica più in alto rispetto a molti altri frutti comunemente consumati, tra cui kiwi, pompelmi e clementine. Si classifica anche più in alto dell'anguria e dell'ananas. Ovviamente, la maggiore quantità di melone consumato contribuisce a compensare la sua inferiore concentrazione in polifenoli. Questo principio pratico non è trascurabile.

 

Recentemente, è stato accertato che il consumo di melone riduce il rischio di sindrome metabolica. In uno studio che ha coinvolto centinaia di donne che vivono e insegnano a Teheran, in Iran, il rischio più basso di sindrome metabolica è stato riscontrato nei soggetti che consumavano una maggior quantità di frutta. (Nello studio, la "quantità maggiore" significa un minimo di 500 grammi al giorno.) Cinque tipi di frutta contribuivano maggiormente al consumo totale: mele, uva, melone, anguria e banane. Le donne che hanno consumato la maggior quantità di questi frutti hanno anche riportato migliori livelli ematici di proteina C-reattiva (CRP). La CRP è un indicatore comunemente utilizzato per valutare i livelli di infiammazione ed è molto probabile che i fitonutrienti antinfiammatori del melone e degli altri frutti abbiano svolto un ruolo determinante.

Tabella dei contenuti dei principali nutrienti del cantalupo e % del rispettivo fabbisogno giornaliero

 Nutrienti

 

Quantità per 100 g 

% fabbisogno 
  giornaliero *
Calorie 34  
Grassi 0 g  0%
Carboidrati totali 9 g 3%
 Zuccheri 8 g  3%
Fibra alimentare 1 g  4% 
Vitamina C 37 mg 48%
Vitamina A 169 mcg 19%
Potassio 286 g 7%
Folati 21 mcg 5%
Rame 0,04 mg 5%
Vitamina B 3 0,73 mg 4,4%
Vitamina B 6 0,07 mg 4,4%
Vitamina B 1 0,04 mg 3,7%
Magnesio 12 mg 3,1%
Vitamina K 2,5 mcg 2,5%

* I valori giornalieri percentuali si basano su una dieta da 2.000 calorie. Potrebbero essere più alti  o più bassi a seconda     delle esigenze caloriche.

Benefici per la salute del cantalupo

Raramente pensiamo che la frutta abbia un ampio spettro di sostanze nutritive. Quando questo tipo di alimenti viene posto sotto i riflettori nutrizionali, di solito sono le bacche ad essere menzionate per prime sotto il profilo nutrizionale. Tuttavia, a giudicare dalle caratteristiche nutrizionali, il melone dovrebbe farci pensare in modo diverso alla frutta come cibo nutriente. Viene valutato al pari dei lamponi, delle fragole e dei mirtilli. Il cantalupo viene considerato "eccellente" sia per il contenuto di vitamina C che per la vitamina A (sotto forma di carotenoidi). Quando si mangiano anche i semi commestibili, ottiene anche una buona valutazione per una serie di vitamine del gruppo B (B1, B3, B6 e folati) così come per la vitamina K, potassio, magnesio, rame e fibre.

 

Il cantalupo contiene più beta-carotene di alfa-carotene. Poiché sono presenti entrambi questi carotenoidi, contiene anche entrambi i loro derivati, tra cui la luteina riferita all'alfa-carotene e beta-criptoxantina e zeaxantina riferite al beta-carotene. Questi fitonutrienti dei carotenoidi sono uniti dalla luteolina flavonoide, dagli acidi organici antiossidanti incluso l'acido ferulico, dal caffeico e dalle cucurbitacine antiinfiammatorie, tra cui la cucurbitacina B e la cucurbitacina E. La diversità nutrizionale del melone è forse il suo effetto benefico  per la salute più trascurato!

Supporto antiossidante e antinfiammatorio del melone

Come evidenziato dall'elenco precedente di fitonutrienti, la forza nutrizionale del melone riguarda la sua dotazione in antiossidanti e antinfiammatori. Anche se è di relativamente bassa concentrazione per alcuni tipi di nutrienti (come i polifenoli totali) rispetto ad altri frutti, il melone ci offre comunque delle quantità importanti in quanto si tende a mangiarne porzioni più abbondanti.

 

Molti ricercatori considerano la sindrome metabolica un gruppo di problemi di salute che includono alti livelli di grassi nel sangue, glicemia elevata, ipertensione ed eccessivo grasso corporeo causati da errori nello stile di vita. Comportano livelli cronici di infiammazione e stress ossidativo per tutto il fisico. In questo contesto, non sorprende una diminuzione del rischio della sindrome metabolica negli individui che assumono quantità particolarmente elevate di meloni (insieme ad altri frutti). Il melone offre un'ampia gamma di antiossidanti che aiutano a prevenire lo stress ossidativo e di fitonutrienti antiinfiammatori  che aiutano a prevenire l'eccessiva infiammazione. Inoltre, non sorprende che le persone consumatrici di quantità particolarmente elevate di meloni abbiano livelli più bassi di proteina C-reattiva (CRP) nel sangue.

Altri benefici del Cantaloupo

Sfortunatamente, la maggior parte degli altri studi che abbiamo visto sui benefici per la salute del melone sono stati condotti su animali piuttosto che su esseri umani. Questo aspetto della ricerca limita la  certezza degli effetti sulla salute per gli esseri umani. Tuttavia, nella ricerca sugli animali, gli studi relativi al diabete sono stati  particolarmente promettenti. I ricercatori hanno dimostrato che l'assunzione dei fitonutrienti del melone può migliorare il metabolismo dell'insulina e dello zucchero nel sangue. Inoltre, l'assunzione di estratti di melone ha dimostrato di ridurre lo stress ossidativo nei reni di animali con diabete e di migliorare la resistenza all'insulina negli animali diabetici.

 

Considerati i benefici del melone per la prevenzione della sindrome metabolica, ci aspettiamo di vedere studi futuri che dimostrino chiari benefici per la salute di questo frutto nell'area delle malattie cardiocircolatorie, tra cui l'aterosclerosi. Molti problemi cardiocircolatori iniziano con l'infiammazione cronica indesiderata e lo stress ossidativo cronico. Confidiamo che al più presto gli studi su larga scala documentino i benefici anche per l'uomo.

Fonti e riferimenti:

  • Amaro AL, Beaulieu JC, Grimm CC et al. Effect of oxygen on aroma volatiles and quality of fresh-cut cantaloupe and honeydew melons. Food Chemistry, Volume 130, Issue 1, 1 January 2012, Pages 49-57.
  • Brat P, George S, Bellamy A et al. Daily Polyphenol Intake in France from Fruit and Vegetables. The Journal of Nutrition136. 9 (Sep 2006): 2368-73.
  • Daniel CR, Prabhakaran D, Kapur K et al. A cross-sectional investigation of regional patterns of diet and cardio-metabolic risk in India. Nutr J. 2011; 10: 12. Published online 2011 January 28. doi: 10.1186/1475-2891-10-12.
  • de Melo, MLS, Narain N and Bora PS. Characterisation of some nutritional constituents of melon (Cucumis melo hybrid AF-522) seeds. Food Chemistry, Volume 68, Issue 4, March 2000, Pages 411-414.
  • Gonda I, Bar E, Portnoy V et al. Branched-chain and aromatic amino acid catabolism into aroma volatiles in Cucumis melo L. fruit. J Exp Bot. 2010 Feb;61(4):1111-23. Epub 2010 Jan 11.
  • Hu FB and Willett WC. Fruit and vegetable intakes, C-reactive protein, and the metabolic syndrome. Am J Clin Nutr, Dec 2006; 84: 1489 - 1497.
  • Ismail HI, Chan KW, Mariod AA et al. Phenolic content and antioxidant activity of cantaloupe (cucumis melo) methanolic extracts. Food Chemistry, Volume 119, Issue 2, 15 March 2010, Pages 643-647.
  • Ismail M, Mariod A, Bagalkotkar G et al. Fatty acid composition and antioxidant activity of oils from two cultivars of Cantaloupe extracted by supercritical fluid extraction. Journal: Grasas y Aceites Year: 2010 Vol: 61 Issue: 1 Pages/record No.: 37-44.
  • Karakaya S, Kavas A, El NS et al. Nutritive value of a melon seed beverage.
  • Food Chemistry, Volume 52, Issue 2, 1995, Pages 139-141.
  • Kourkoutas D, Elmore JS and Mottram DS. Comparison of the volatile compositions and flavour properties of cantaloupe, Galia and honeydew muskmelons. Food Chemistry, Volume 97, Issue 1, July 2006, Pages 95-102
  • Laur LM and Tian L. Provitamin A and vitamin C contents in selected California-grown cantaloupe and honeydew melons and imported melons. Journal of Food Composition and Analysis, Volume 24, Issue 2, March 2011, Pages 194-201.
  • Milind P and Kulwnt S. Musk melon is eat-must melon. Int Res J Pharm (IRJP) 2011, 2(8): 52-57.
  • Naito Y, Akagiri S, Uchiyama K et al. Reduction of diabetes-induced renal oxidative stress by a cantaloupe melon extract/gliadin biopolymers, oxykine, in mice. Biofactors. 2005;23(2):85-95.
  • Napier AB, Crosby KM and Park SO. Identifying Molecular Markers Correlating with High Beta-carotene Content in Muskmelon. HortScience, Jul 2006; 41: 1049.
  • Paris HS, Amar Z, and Lev E. Medieval emergence of sweet melons, Cucumis melo (Cucurbitaceae). Ann Bot. 2012 Jul;110(1):23-33. Epub 2012 May 30.
  • Parmar HS and Kar A. Possible amelioration of atherogenic diet induced dyslipidemia, hypothyroidism and hyperglycemia by the peel extracts of Mangifera indica, Cucumis melo and Citrullus vulgaris fruits in rats. Biofactors. 2008;33(1):13-24.
  • Sebastian P, Schaefer H, Telford IR et al. Cucumber (Cucumis sativus) and melon (C. melo) have numerous wild relatives in Asia and Australia, and the sister species of melon is from Australia. Proc Natl Acad Sci U S A. 2010 Aug 10;107(32):14269-73. Epub 2010 Jul 23.
  • Ukuku DO and Sapers GM. Effect of time before storage and storage temperature on survival of Salmonella inoculated on fresh-cut melons. Food Microbiology, Volume 24, Issue 3, May 2007, Pages 288-295.
  • Vouldoukis I, Lacan D, Kamate C et al. Antioxidant and anti-inflammatory properties of a Cucumis melo LC. extract rich in superoxide dismutase activity. J Ethnopharmacol. 2004 Sep;94(1):67-75.