Salmone allevato: cibo salutare?


Siamo a conoscenza dei benefici per la salute dei grassi animali omega-3 e il fatto che il salmone sia un'ottima fonte. Potremo essere scioccati nello scoprire che il salmone d'allevamento ha più le caratteristiche del cibo spazzatura che del cibo salutare.

Questa è la triste realtà rivelata nel documentario di Nicolas Daniel "Fillet-Oh-Fish", che include filmati esclusivi di allevamenti ittici  intensivi in tutto il mondo.

 

Tra gli esperti, Kurt Oddekalv, un rispettato attivista ambientale norvegese, sostiene che l'allevamento del salmone è un disastro assoluto, sia dal punto di vista ambientale che della salute umana. Sotto gli allevamenti di salmoni disseminati nei fiordi norvegesi c'è uno strato di rifiuti profondo circa 15 metri, pieno di batteri, farmaci e pesticidi tossici.

 

Gli allevamenti si trovano in acque libere e l'inquinamento non è in alcun modo controllato. Il salmone d'allevamento rappresenta anche una minaccia tossica più diretta per la salute. Il pesce è sempre stato considerato un alimento salutare, ma i test alimentari rivelano che il salmone d'allevamento di oggi è uno degli alimenti più tossici al mondo.

 

Come notato dai produttori del film, "attraverso l'agricoltura intensiva e l'inquinamento globale, la carne del pesce che mangiamo si è trasformata in un cocktail chimico mortale". (1)

 

 

In una valutazione globale del salmone d'allevamento pubblicata nel numero di gennaio 2004 della rivista Science (2), sono stati riscontrati13 inquinanti organicii. Inoltre il salmone d'allevamento non ha il profilo nutrizionale del salmone selvatico. 

 

Dovrebbe essere una meravigliosa fonte di grassi omega-3, tanto necessari, ma il il salmone d'allevamento contiene molti più omega-6 che omega-3, il che può avere conseguenze deleterie sulla salute considerando che la maggior parte delle persone è carente di omega-3. Contemporaneamente fornisce molti più omega -6 del necessario.

 

L'allevamento del salmone non è una soluzione sostenibile

Più della metà del pesce che si mangia oggi proviene da allevamenti ittici. (3) L' acquacoltura viene considerata come una soluzione sostenibile per la pesca eccessiva ma, in realtà, gli allevamenti ittici causano più problemi di quanti ne risolvano. Per cominciare, occorrono da 1,5 a 8 chilogrammi di pesce selvatico per produrre solo 1 chilogrammo di salmone d'allevamento. L'industria dell'acquacoltura, in realtà, contribuisce pesantemente all'esaurimento delle riserve di pesce selvatico e non a preservarle. (4)

 

Un allevamento intensivo di salmoni può contenere fino a 2 milioni di pesci in una quantità relativamente esigua di spazio. Come negli allevamenti terrestri, dove gli animali sono tenuti in ambieenti affollati, gli allevamenti ittici sono afflitti da malattie che si diffondono rapidamente tra i pesci. Secondo Oddekalv, i pidocchi di mare, la malattia del pancreas (5) e il virus dell'anemia da salmone infetto si sono diffusi in tutta la Norvegia, ma i consumatori non sono stati informati di queste pandemie e la vendita di pesce malato continua senza ininterruzioni.

 

Un certo numero di pesticidi pericolosi vengono impiegati per combattere i parassiti che causano malattie, uno in particolare è noto per avere effetti neurotossici. I lavoratori che applicano il pesticida devono indossare indumenti protettivi. Tuttavia questi prodotti chimici vengono scaricati direttamente in acque libere.

 

I pesticidi usati hanno anche dimostrato di influenzare il DNA dei pesci causando mutazioni genetiche. Vengono mostrati esempi preoccupanti di merluzzi con deformazioni e le stime indicano che circa la metà di tutti i merluzzi d'allevamento sono deformati per lo stesso motivo. Quel che è peggio, il merluzzo femmina che sfugge dagli allevamenti si accoppia con i merluzzo selvatici, diffondendo le mutazioni genetiche e le deformità nella popolazione selvatica.

___Salmone di allevamento_________________ Salmone selvatico
___Salmone di allevamento_________________ Salmone selvatico

Il contenuto nutrizionale del pesce allevato è molto diverso dal salmone selvatico

Il salmone d'allevamento subisce mutazioni meno visibili ma ugualmente impattanti. La carne del salmone d'allevamento è stranamente fragile e si spezza quando viene piegata, una caratteristica molto anomala.

Il contenuto nutrizionale è anche anomalo: Il salmone selvatico contiene dal 5 al 7% di grasso, mentre la varietà allevata ne può contenere dal 14,5 al 34%. 

 

L'alto contenuto di grassi è il risultato diretto dell'alimentazione ad alto contenuto di grassi del salmone d'allevamento. Ma non contiene solo più grassi in generale, la vera tragedia sono i rapporti radicalmente sbilanciati di grassi omega-3 e omega-6. (6) Un mezzo filetto di salmone selvatico dell'atlantico contiene circa 3.996 milligrammi (mg) di omega-3 e 341 mg di omega-6. (7) Un mezzo filetto di salmone d'allevamento contiene solo un po 'più omega-3 - 4.961 mg - ma una incredibile quantità di ben 1.944 mg di omega-6; (8) più di 5,5 volte del salmone selvatico.

 

Per una buona salute sono necessari sia grassi omega-3 che omega-6, ma  il loro rapporto è importante e dovrebbe idealmente essere circa di 1 a 1. In una dieta standard, già fortemente deviata verso l'omega-6 per la prevalenza di alimenti trasformati, il consumo di salmone d'allevamento amplia lo squilibrio insalubre invece di normaizzarlo.

 

Farmed and Dangerous (9) fornisce un esempio di etichetta dei mangimi per salmoni e gli ingredienti sono molto indicativi in termini di grassi omega-6 in eccesso. I primi nove ingredienti del mangime "Winter Plus 3500" di Skretting sono: farina di pollame, farina di pesce, grasso di pollame, olio di pesce, grano integrale, farina di soia, farina di glutine di mais, farina di piume e olio di colza. Questi sono tutti gli ingredienti che nessun salmone selvatico ha mai mangiato e sono lontani dalla dieta appropriata per la specie.

Il salmone d'allevamento è cinque volte più tossico di qualsiasi altro alimento testato

Il salmone d'allevamento contiene anche livelli molto più elevati di contaminanti rispetto a quelli selvatici, in parte a causa del loro elevato contenuto di grassi. Molte tossine si accumulano facilmente nel grasso, il che significa che, anche se allevati in condizioni simili, i salmoni di allevamento assorbono più tossine rispetto ai pesci selvatici. Incredibilmente, la ricerca rivela che la fonte più significativa di esposizione tossica non sono in realtà i pesticidi o gli antibiotici somministrati al salmone d'allevamento, ma il mangime secco.

 

Le sostanze inquinanti trovate nel mangime comprendono diossine, PCB, pesticidi clorurati e una serie di altri farmaci e sostanze chimiche. Quando si consuma il salmone, queste tossine si accumulano nel grasso. Uno studio, (10) che ha testato 700 campioni di salmone raccolti da tutto il mondo, ha rilevato che le concentrazioni di PCB nel salmone d'allevamento sono, in media, otto volte superiori rispetto al salmone selvatico.

 

Secondo gli autori, "l'analisi del rischio indica che il consumo di salmoni dell'Atlantico d'allevamento può comportare rischi per la salute che riducono gli effetti benefici del consumo di pesce".

 

Un altro gruppo di scienziati ha concluso che (11) "Il consumo di salmone d'allevamento a frequenze relativamente basse si traduce in una elevata esposizione a diossine e composti diossina-simili con aumento proporzionale del rischio per la salute." Il ricercatore di tossicologia Jerome Ruzzin ha anche testato le tossine in diversi gruppi alimentari venduti in Norvegia, confermando che il salmone d'allevamento contiene la maggior quantità di tossine di tutti con un ampio margine.

 

Nel complesso, il salmone d'allevamento è cinque volte più tossico di qualsiasi altro alimento testato. Negli studi sull'alimentazione animale, i topi nutriti con salmone d'allevamento sono cresciuti obesi, con spessi strati di grasso intorno ai loro organi interni. Hanno anche sviluppato il diabete. Ruzzin osserva che una teoria che sta guadagnando terreno è che, i crescenti tassi di obesità sono correlati al crescente numero di tossine e sostanze inquinanti a cui siamo esposti attraverso il nostro ambiente e il cibo. Alla luce delle sue scoperte, Ruzzin ha smesso di mangiare salmone d'allevamento.

Cosa rende così tossici i pesci?

Per capire il perché il mangime per i pesci sia così tossico, il film visita un impianto di pellet di pesce norvegese. Qui, si scopre che l'ingrediente principale è l'anguilla, utilizzata per l'alto contenuto di proteine e grassi e altri pesci grassi del Mar Baltico. È l'inizio del problema, poiché il Baltico è altamente inquinato. Alcuni pesci hanno livelli tossici di sostanze inquinanti, che vengono semplicemente incorporate nei pellet del mangime.

 

In Svezia, i pescatori di pesce sono tenuti ad avvertire i clienti sulla potenziale tossicità del pesce del Baltico. Secondo le raccomandazioni del governo, non si dovrebbe mangiare pesce grasso come l'aringa più di una volta alla settimana, e in presenza delle uova, il pesce del Baltico dovrebbe essere evitato del tutto. L'attivista svedese di Greenpeace, Jan Isakson, rivela alcune delle fonti dell'iinquinamento. Appena fuori Stoccolma, c'è una grande cartiera sulla riva del Baltico che genera diossine tossiche.

 

Nove altri paesi industrializzati che circondano il Mar Baltico scaricano anche i loro rifiuti tossici in questo specchio d'acqua chiuso. Le diossine si legano al grasso, motivo per cui l'aringa, l'anguilla e il salmone finiscono per accumulare quantità più elevate rispetto ad altri pesci. Quindi, non possono essere considerati adatti al consumo umano. Alcuni di questi pesci grassi vengono ora utilizzati principalmente come cibo per altri  pesci. Alla fine, queste tossine finiscono sui nostri piatti ogni volta che mangiamo pesce d'allevamento, soprattutto il salmone.

Uno dei segreti custoditi dell'industria del pesce

Parte della tossicità deriva anche dal processo di produzione del pellet. I pesci grassi vengono prima cotti. Si ottenengono due prodotti separati: farina proteica e olio. Mentre l'olio ha alti livelli di diossine e PCB, la polvere proteica aggiunge altra tossicità al prodotto finale. A questa polvere proteica viene aggiunto un "antiossidante" chiamato etossichina. Secondo il regista, questo è uno dei segreti meglio custoditi dell'industria ittica ed è uno degli ingredienti più tossici.

 

L'etossichina fu sviluppata come pesticida dalla Monsanto negli anni '50. Il suo uso è strettamente regolato su frutta, verdura e carne, ma non su pesce, perché non è mai stato concepito per tale uso.

 

I produttori di mangimi per pesci non hanno mai informato le autorità sanitarie che stavano usando la sostanza chimica come mezzo per impedire che i grassi si ossidassero e diventassero rancidi, quindi la sua presenza nei pesci d'allevamento non è mai stata affrontata. In modo preoccupante, i test rivelano che i pesci allevati possono contenere livelli di etossichina che sono fino a 20 volte più elevati del livello consentito per frutta, verdura e carne.

 

Inoltre, gli effetti di questa sostanza chimica sulla salute umana non sono mai stati stabiliti. L'unico studio sull'etossichina e salute umana è una tesi di Victoria Bohne, ex ricercatrice norvegese che ha fatto una serie di inquietanti scoperte, incluso il fatto che l'etossichina può attraversare la barriera emato-encefalica e avere effetti cancerogeni. Dopo vari tentativi di falsificare e minimizzare le sue scoperte, la ricercatrice è stata costretta a lasciare il suo lavoro.

 

Altri studiosi hanno comunicato gli effetti dell'uso segreto dell'etossichina nella piscicoltura norvegese e la mancanza di indagini scientifiche sui suoi effetti al ministro norvegese della pesca e degli affari costieri, Lisbeth Berg-Hansen, che incidentalmente è anche un importante azionista in un allevamento commerciale di salmoni che ha anche ricoperto numerosi incarichei di alto livello nel settore della pesca.

Stiamo mangiando pesce o scarti di pesce?

Il pesce può essere uno degli alimenti più salutari che si possono mangiare, ma oggi occorre essere veramente consapevoli delle proprie scelte. Gli scarti di pesce sono diventati un "prodotto di grande valore" da utilizzare negli alimenti trasformati. A meno di 15 centesimi al chilo, teste di pesce e code e quel poco di carne rimasto dopo la sfilettatura, sono diventati una fonte di profitti.

 

Praticamente nulla va più sprecato. I rifiuti di pesce vengono lavati e macinati in una poltiglia, che viene poi utilizzata nei piatti pronti e negli alimenti per animali domestici. Poiché i produttori di alimenti non sono obbligati a dichiarare che i loro prodotti contengono la polpa di pesce e non il filetto di pesce. Questo tipo di prodotto offre un elevato margine di profitto per i produttori di alimenti.

 

Un suggerimento: se la lista degli ingredienti di qualsiasi alimento include il pesce senza specificare che è fatto con vero filetto di pesce, di solito significa che è stata utilizzata la polpa ottenuta dai rifiuti della lavorazione del pesce.

 

Anche le frodi sono all'ordine del giorno. Le indagini hanno dimostrato che 1 etichetta di pesce su 3 è falsa o fuorviante. In genere, un pesce economico viene etichettato come uno di maggior pregio. Alcuni pesci allevati vengono anche spacciati come selvatici.

 

Poiché la tracciabilità è complessa nell'industria alimentare di trasformazione, a causa della miscelazione degli ingredienti, è qui che si verifica la maggior parte delle frodi ittiche. È più difficile commercializzare  filetti di pesce di una specie per un'altra, anche se non è escluso che possa accade.

Opzioni salutari

È chiaro che gli allevamenti ittici non sono una soluzione praticabile per evitare la pesca eccessiva. Stanno peggiorando le cose, si sta distruggendo l'ecosistema marino ad un ritmo molto rapido. Qual'è dunque la risposta? Sfortunatamente, la stragrande maggioranza dei pesci, anche se selvatici da cattura, sono spesso troppo contaminati per consumarli frequentemente. La maggior parte dei principali corsi d'acqua del mondo sono contaminati da mercurio, metalli pesanti e sostanze chimiche come la diossina, il PCB e iprodotti chimici agricoli.

 

Questo è il motivo per cui, come regola generale, non è più consigliabile mangiare regolarmente pesce. Ci sono tuttavia delle eccezioni. Una è l'autentico salmone sockeye dell'Alaska pescato in natura. I benefici nutrizionali probabilmente superano ancora ogni potenziale contaminazione. Il rischio di accumulo di alte quantità di mercurio e di altre tossine è ridotto a causa del suo breve ciclo di vita che è solo di circa tre anni. Inoltre, il bioaccumulo di tossine è anche ridotto dal fatto che non si nutre di altri pesci già contaminati.

 

Il salmone dell'Alaska (da non confondere con il salmone dell'Atlantico) non può essere allevato ed è quindi sempre catturato in natura. 

 

Il salmone in scatola etichettato "salmone dell'Alaska" è un'alternativa meno costosa ai filetti di salmone. Il salmone selvaggio è piuttosto magro, quindi i segni di grasso, quelle strisce bianche che si vedono nella carne, sono sottili. Se un pesce è di color rosa pallido con larghi segni di grasso, è probabile che il salmone sia allevato. Da evitare il salmone dell'atlantico, poiché il salmone recante questo marchio viene quasi sempre allevato.

 

Un'altra eccezione è il pesce più piccolo con cicli di vita brevi, che tendono anche ad essere alternative migliori in termini di contenuto di grassi, come le sardine e le acciughe. Con il loro basso rischio di contaminazione e un maggiore valore nutrizionale, rappresentano un'alternativa vantaggiosa in tutti i sensi. Come regola generale, più vicino al fondo della catena alimentare è il pesce, minore è la contaminazione che si accumula.

 

Assicurarsi che non vengano dal Mar Baltico, che è eccezionalmente inquinato. Altre buone scelte includono aringhe e uova di pesce (caviale), che sono pieni di fosfolipidi importanti che nutrire la vostra membrane mitocondriali.