Zolfo per la salute

(Pubblicato il 25 luglio 2015)

Lo zolfo è il terzo minerale più abbondante nel nostro corpo, dopo il calcio e il fosforo.

Si tratta di un importante elemento minerale che si ottiene quasi interamente attraverso le proteine alimentari, ma sono passati oltre 20 anni da quando la Food and Nutrition Board (FNB) ha pubblicato il suo ultimo aggiornamento sulla razione giornaliera raccomandata (RDA).

 

In uno studio (1) che ha esaminato gli elementi critici e come funziona lo zolfo nel corpo, i ricercatori sottolineano l'importanza di questo minerale che- in diversi casi- potrebbe essere carente nel nostro corpo.

L'importanza dello zolfo

Quasi la metà dello zolfo nel nostro corpo si trova nei muscoli, nella pelle e nelle ossa, ma i benefici vanno ben oltre queste tre aree svolgendo un ruolo importante in molti sistemi del corpo.

 

Lo zolfo è necessario in quanto è legato alle proteine, mantiene la loro forma e questi legami determinano l'attività biologica delle proteine. Ad esempio, capelli e unghie sono formati da una proteina dura denominata cheratina che è ad alto tenore di zolfo, mentre il tessuto connettivo e cartilagineo contengono proteine con legami di zolfo che danno flessibilità alla struttura del corpo.

 

Con l'età, i tessuti flessibili tendono a perdere la loro elasticità con cedimenti e rughe della pelle, muscoli rigidi e dolori articolari.

Una carenza di zolfo contribuisce ad accrescere questi problemi legati all'età.

 

Oltre al legame con le proteine, lo zolfo è anche necessario per l'attività biologica degli enzimi. Se non vi è una quantità sufficiente di zolfo gli enzimi non possono funzionare correttamente creando, in cascata, una serie di problemi di salute dato che, senza enzimi biologicamente attivi, i processi metabolici non possono funzionare correttamente.

 

Lo zolfo gioca anche un ruolo importante in particolare:

 

  • nel sistema di trasporto degli elettroni del corpo, come complesso proteine ferro/zolfo nei mitocondri, le fabbriche di energia delle cellule

  • sulla tiamina (vitamina B1) e biotina (vitamina B8 o H), essenziali per la conversione dei carboidrati in energia

  • nella sintesi di importanti intermedi metabolici, quali il glutatione

  • nella corretta funzione dell'insulina. La molecola di insulina consiste in due catene di aminoacidi collegati tra loro da ponti di zolfo senza i quali l'insulina non può svolgere la sua attività biologica

  • nella disintossicazione

 

Uno studio ha esaminato un ampio ambito di percorsi metabolici al fine di determinare quali possono essere influenzati dall'insufficiente apporto di zolfo nella dieta. I ricercatori hanno anche valutato le modalità di azione di una varietà di integratori alimentari contenenti zolfo, compresi la condroitina e la glucosamina, comunemente utilizzati per migliorare la salute delle articolazioni.

 

Secondo gli autori: "Gli aminoacidi solforati contribuiscono in modo sostanziale al mantenimento e all'integrità dei sistemi cellulari influenzando lo stato redox e la capacità di disintossicare, di eliminare i radicali liberi e i composti reattivi all'ossigeno. ... Lo zolfo che contiene metaboliti, dei quali il glutatione è un componente chiave si combinano con diversi altri composti molto considerati nelle cure mediche convenzionali e complementari. Questi includono i grassi omega 3 e omega 6, gli acidi grassi polinsaturi, i minerali come il selenio, lo zinco, il rame e magnesio, le vitamine E e C, gli antiossidanti quali le proantocianidine e l'acido lipoico, molti dei quali sono coinvolti nella sintesi delle prostaglandine e degli antiossidanti.

 

Sempre più prove confermano il ruolo importante del glutatione e di altri metaboliti dello zolfo.

Assumiamo abbastanza zolfo nella nostra dieta?

Come indicato nella ricerca, solo due dei 20 amminoacidi normalmente presenti negli alimenti contengono zolfo:
  1. la metionina, che non può essere sintetizzata dal corpo e deve essere assunta necessariamente tramite l'alimentazione
  2. la cisteina, che viene sintetizzata dal corpo, ma richiede un rifornimento costante di zolfo dagli alimenti
Nessuno di questi composti secondo i ricercatori vengono accumulati nel nostro corpo. Piuttosto, "qualsiasi eccesso alimentare viene prontamente ossidato a solfato ed eliminato nelle urine oppure immagazzinato sotto forma di glutatione (GSH),". Il glutatione composto da tre aminoacidi: cisteina, glutammato e glicina, è il più potente antiossidante che mantiene anche gli effetti degli altri antiossidanti a livelli di picco”.
Inoltre:
"La disponibilità di cisteina sembra essere il fattore limitante per la sintesi del glutatione (GSH).
I valori GSH sono subnormali in un gran numero di malattie e, fornendo ai pazienti degli aminoacidi solforati (ASA) molti stati patologici possono essere risolti.
Nel cervello, che di solito è l'organo più risparmiato nel caso di carenze nutrizionali, la concentrazione in GSH diminuisce al fine di mantenere adeguati i livelli di cisteina. La perdita di GSH altera le difese antiossidanti ... le cartilagini, meno essenziali per la sopravvivenza, in condizioni di deprivazione di zolfo possono andare incontro a problemi. Questo spiega il perché gli integratori alimentari contenenti zolfo (condroitin solfato, glucosamina solfato, MSM (metilsulfonilmetano), etc.) possono essere efficaci nel trattamento di patologie articolari ".

Fonti alimentari che contengono zolfo


Il modo migliore e ideale per assumere lo zolfo è attraverso la dieta. Lo zolfo è derivato quasi esclusivamente dalle proteine alimentari come il pesce, le carni e il pollame di alta qualità (biologici e nutriti con erba). Carne e pesce sono considerati "completi" in quanto contengono tutti gli aminoacidi dove è presente lo zolfo necessario per la produzione di nuove proteine. Coloro che si astengono dalle proteine animali sono sottoposti ad un maggiore rischio di carenza di zolfo.

Altre fonti alimentari che contengono modeste quantità di zolfo sono: uova bio da galline ruspanti, legumi, aglio, cipolla, cavoletti di Bruxelles, asparagi, cavoli, germe di grano.


L'MSM, una forma organica di zolfo


Il metilsulfonilmetano, comunemente conosciuto con il suo acronimo, MSM, non è un farmaco. Si tratta di una forma organica di zolfo con potente azione antiossidante naturalmente presente in molte piante.

L'MSM oltre ad essere una fonte importante di zolfo organico, ha anche altre proprietà uniche.


Problemi di salute comuni associati alle basse concentrazioni di MSM nel corpo includono:

  • Stanchezza

  • Depressione

  • Alta sensibilità allo stress fisico e psicologico

  • Malattie degenerative

Una delle più grandi, e una delle più economiche scoperte in campo sanitario è la capacità dell'MSM di neutralizzare l'infiammazione. E' particolarmente utile nella prevenzione delle malattie cardiache ed è stata dimostrata la sua efficacia per ridurre la placca nelle arterie associata con l'infiammazione cronica.

 

 

Altri benefici per la salute connessi con l'MSM includono:

  • Riduzione del dolore cronico

  • Miglioramento dell'assorbimento cellulare di molte sostanze nutritive tra cui le vitamine A, B, C, D, E, aminoacidi, selenio, calcio, magnesio, il coenzima Q10

  • Prevenzione del rischi di cancro

  • Riduzione o eliminazione dei dolori muscolari e crampi

  • Disintossicazione

  • Riduzione dei sintomi delle allergie

  • Azione anti-parassitaria contro Giardia, Trichomonas, nematodi, Enterobius e altri vermi intestinali

  • Miglioramento della funzionalità polmonare, consentendo al corpo di assumere in modo più efficace l'ossigeno

  • Prevenzione delle malattie neurologiche con la regressione del danno ossidativo e il ripristino dell'elasticità della membrana cellulare e della sua permeabilità

  • Prevenzione e riduzione dei sintomi delle malattie autoimmuni riducendo l'infiammazione cronica

  • Prevenzione del diabete promuovendo la regolare funzionalità dell'insulina

  • Aumento della forza e della resistenza, e riduzione dello stress


L'MSM migliora la capacità del corpo a produrre i propri Antiossidanti

Lo zolfo ha un ruolo fondamentale nella produzione di glutatione, uno degli antiossidanti più importanti che il corpo produce. Il Glutatione presiede anche importanti funzioni per la disintossicazione. Senza zolfo, il glutatione non può agire. L'MSM non è un antiossidante di per sé, ma una parte della sua azione è quella di migliorare la capacità del corpo a produrre i propri antiossidanti.

 

Fornisce anche il supporto per tutti i tipi di proteine strutturali, dove lo zolfo è una componente.

Secondo il dottor Benjamin: "Il glutathione ha due stati diversi all'interno del corpo. C'è il glutatione ridotto e il glutatione ossidato. Il rapporto tra questi due indica lo stato ossidativo generale e la capacità del plasma sanguigno di affrontare lo stress ossidativo.

 

L'MSM migliora tale rapporto generale. In altre parole, in presenza di glutatione si è in grado di affrontare meglio i radicali liberi. Controllando lo stress ossidativo o la protezione dal danno ossidativo si possono ottenere numerosi benefici terapeutici "

Fonti di MSM, e dosaggi

 

L'MSM si può trovare:

  • nel latte crudo da animali al pascolo

  • nelle verdure fresche

  • nella frutta

Le quantità di zolfo che si possono ottenere da queste fonti vanno da 1 a 5 mg/kg. Il latte crudo da animali al pascolo contiene la più alta quantità di MSM: tra i 2 e i 5 mg/kg. Tuttavia, è importante sapere che l'MSM viene rapidamente perso durante il riscaldamento, quindi il latte pastorizzato non è una buona fonte, contiene meno di 0,25 mg/kg MSM ... Idem per le verdure molto cotte, e la frutta e la verdura conservata per un lungo periodo di tempo.

 

E' dunque consigliabile consumare la maggior parte delle verdure crude il più presto possibile dopo la raccolta. Se si segue una dieta composta principalmente da prodotti alimentari trasformati e molto cotti, è inevitabile che la quantità di zolfo risulti insufficiente.

L'MSM è inoltre altamente concentrato nell'aloe vera, quindi si possono utilizzare i prodotti a base di aloe vera per aumentare l'assunzione di MSM nella sua forma naturale.

 

Un'altra alternativa è quella di assumere l'MSM come integratore alimentare. In una intervista, l'esperto David Wolfe raccomanda di assumere circa 2.500 mg di MSM al giorno per iniziare, aumentando lentamente la quantità fino a circa 5.000 a 7.500 mg al giorno.

 

Occorre tener presente che possono manifestarsi effetti collaterali, perché l'MSM svolge un'azione disintossicante e può inizialmente aggravare qualsiasi condizione in atto. Quindi è bene aumentare il dosaggio lentamente per permettere al corpo di adattarsi ed evitare di aumentare la dose fino a quando sono scomparsi tutti i sintomi di disintossicazione. Inoltre è meglio evitare di assumerlo di notte, in quanto può aumentare i livelli di energia.

 

Come con la maggior parte dei supplementi, la qualità è un problema ed è importante notare che se sono presenti allergie ai sulfamidici, le stesse possono essere aggravate dall'MSM.

 

A parte questo, l'MSM è totalmente atossico. Finora nessuno ha trovato un limite superiore tale da provocare effetti tossici. Questo fatto rende la supplementazione una forma ideale di integrazione di zolfo in quanto gli aminoacidi contenenti zolfo. metionina e cisteina in dosi massicce possono causare sintomi di intossicazione.