TE' VERDE

(Aggiornato nell'aprile 2015)

 

È interessante notare che, dopo l'acqua, il tè verde sembra essere la bevanda più consumata al mondo.


Per secoli, il tè verde è stato custodito in segreto. Perché? I giapponesi desideravano mantenere la loro cerimonia del tè molto esclusiva e chiusa al mondo esterno.

 

Inoltre, il popolo giapponese ha voluto mantenere per se la forma tradizionale del tè verde con i suoi numerosi benefici sulla salute.

 

Il Giappone gode il quarto più alto tasso di aspettativa di vita in tutto il mondo che, nel 2006 era di 81,2 anni.


I paesi degli Stati Uniti, la Cina, e la maggior parte dei paesi europei (della Svizzera e Italia) non sono nemmeno presenti nella top 10.

 

I giapponesi di solito non bevono caffè. Essi, tuttavia, consumano il tè verde durante il giorno. 

 

 

In China il Tè verde è consumato da ben 3.000 anni A.C. Da quando i cinesi si stabilirono nella zona del Fiume Giallo e iniziarono a praticare l'agricoltura.

 

Già a quei tempi il tè verde veniva usato per scopi medicinali, non solo per le sue proprietà stimolanti, ma anche perché aiuta a prevenire e alleviare numerosi disturbi.

 

Nella medicina tradizionale cinese, viene utilizzato per attenuare il mal di testa, eliminare le tossine e per prolungare la giovinezza.

 

Polifenoli: la chiave per una salute migliore

 

La foglia di tè fresca è insolitamente ricca di potenti antiossidanti chiamati polifenoli, che possono costituire fino al 30% del peso secco. Così, quando si beve una tazza di tè, si sta fondamentalmente bevendo una soluzione di polifenoli.

 

Nelle foglie fresche di tè non fermentate, i polifenoli esistono come una serie di sostanze chimiche chiamate catechine.

 

L'Epigallocatechina gallato (EGCG) sembra essere la catechina più potente trovata nel tè. In effetti, uno studio indica che l'EGCG è 25-100 volte più potente delle vitamine antiossidanti C ed E.

 

Questo studio ha anche riportato che una sola tazza di tè verde ha effetti antiossidanti maggiori di una porzione di broccoli, spinaci, carote, o fragole.

 

Con tale elevata attività antiossidante, è logico concludere che il tè verde può essere di grande beneficio per proteggere il nostro corpo dai problemi di salute posti dai radicali liberi.

 

Gli antiossidanti forniscono il supporto per i sistemi immunitario e cardiovascolare e sono apprezzati in generale per i loro effetti benefici.

 

Le catechine (EGCG) sono state studiate negli ultimi decenni per la loro potenziale capacità di:

 

  • Supportare il sistema immunitario

  • Combattere i segni del tempo (invecchiamento)

  • Sostenere la sana digestione

  • Mantenere in efficienza il cervello e il fegato

  • Contribuire alla salute delle gengive

  • Neutralizzare gli effetti di grassi e oli dannosi
  • Inibire batteri e virus

 

Tè verde e peso corporeo

 

Il tè verde e il suo estratto hanno dimostrato di combattere l'obesità e abbassare il colesterolo LDL "cattivo" - due fattori di rischio per le malattie cardiache e il diabete.

 

Uno studio nei Paesi Bassi e uno studio in Giappone hanno dimostrato che il tè verde è efficace in entrambe i casi.

 

Nello studio olandese, i partecipanti che hanno bevuto regolarmente il tè verde integro hanno perso più peso ma, anche quelli che di solito hanno bevuto il decaffeinato hanno visto una diminuzione del loro girovita e del loro peso.

 

I ricercatori hanno ipotizzato che la caffeina aiuti a ridurre il peso corporeo tramite l'ossidazione dei grassi.

 

In uno studio giapponese, a 240 uomini e donne hanno somministrato diverse quantità di estratto di tè verde per tre mesi.

 

Coloro che hanno assunto la maggiore quantità di estratto di tè verde, hanno perso più grassi, hanno perso più peso, avevano la pressione sanguigna più bassa e livelli inferiori di LDL colesterolo "cattivo".

 

Il consumo di tè verde è inoltre utile nel ridurre il rischio di ipertensione. La teanina in esso contenuta  ha dimostrato di abbassare la pressione sanguigna (Abe et al 1995.. Yokogoshi et al 1995;. Yokogoshi et al 1998a).

 

L'azione detossificante del tè verde si esplica attraverso la diuresi: favorendo l’eliminazione di grassi e zuccheri mediante il drenaggio dei liquidi, l’assunzione della pianta è indicata in caso di ritenzione idrica, cellulite e infezioni delle vie urinarie come la cistite.

 

 

Altri benefici del tè verde

 

Nell’aprile del 1999, all’Università della Riserva di Cleveland, USA, si è dimostrato che i soggetti che consumavano almeno 4 tazze di tè verde al giorno prevenivano l’artrite reumatoide e diminuivano i sintomi di chi ne era già affetto.

 

Un altro eccellente beneficio dimostrato sulle donne Giapponesi è il fatto che le catechine disattivano il virus della influenza, e, nello stesso tempo rinforzano il sistema immunitario.

 

E' stata pubblicata una ricerca sull'American Journal of Clinical Nutrition in cui si dice che una tazza di tè verde al giorno aumenta la densità ossea nelle donne in menopausa per la potente azione rimineralizzante che favorisce il metabolismo delle ossa e dei tessuti.

 

Inoltre l’alta percentuale di fluoro permette la mineralizzazione dello scheletro e dello smalto dei denti (azione anti carie)


I polifenoli presenti nel Tè verde sono potenti antiossidanti, e hanno quindi effetti anti- cancerogeni , anti-invecchiamento e azione probiotica.

 

I ricercatori dell'Università di Tohoku, in Giappone, hanno dimostrato che il consumo regolare di tè verde contrasta la perdita delle facoltà cognitive e aiuterebbe a prevenire l’insorgenza del morbo di Parkinson e la sindrome di Alzheimer.

 

Un vero e proprio elisir di giovinezza per il cervello; pare infatti che bere regolarmente tè verde garantisca alle cellule cerebrali freschezza ed efficienza.

 

Non a caso, in Giappone dove, da secoli, il tè verde è un rito, si registrano percentuali assai basse di forme di demenza senile.

 

 

Come assumere il Tè verde per ottenere i massimi benefici?

 

E' estremamente importante scegliere tè verde di alta qualità. L'analisi ConsumerLab.com (1) mostra come il tipo di tè che si acquista può fare la differenza nella quantità di benefici antiossidanti in esso contenuti, con tè a foglie pare che si ottenga il massimo il massimo dei benefici.

 

Il metodo migliore per ottenere la quantità più elevata di catechine in una tazza di Tè verde è quello classico dell’infusione, facendo riposare il tutto per 5 minuti prima di bere. Si può far uso di un infusore, di un colino, meglio ancora aggiungere le foglie direttamente nella teiera. Per il Tè verde è bene evitare di utilizzare acqua troppo calda (75 -85° C).


Il Tè verde deteinato e quello venduto in bustine da infusione, hanno una bassa concentrazione di catechine.

 

Un recente articolo "The Atlantic"  (2) solleva questioni circa la sicurezza di bustine di tè in plastica per la possibile migrazione nel Tè di sostanze nocive. Esempi includono bisfenolo-A (BPA), bisfenolo-S (BPS), e ftalati, che agiscono come potenti distruttori endocrini.  

 

Non si ha neppure alcuna sicurezza nel caso delle bustine di carta: In alcuni casi, otre allo sbiancamento con prodotti a base di cloro, per rendere più resistenti i sacchetti, viene fatto un trattamento con epicloridrina. chedaDow Chemical Co è uno dei maggiori produttori di epicloridrina. Secondo la scheda di sicurezza (3) della Dow, è una sostanza chimica molto pericolosa.

 

Anche se non è detto che gli effetti nel prodotto finale siano nocivi, ci sono molte domande senza risposta in relazione ai potenziali rischi di utilizzo di questa sostanza chimica nei prodotti a contatto con acqua bollente . Probabilmente per evitare eventuali preoccupazioni, l'utilizzo di Tè sfuso è la soluzione più rassicurante.



 

 

Quali differenze ci sono fra il Tè Verde ed il Tè Nero?


Sia il tè nero, che il verde provengono dalla stessa pianta.

 

In base alla lavorazione a cui sono sottoposte le foglie, si ottiene o uno o l'altro, a seconda che siano state fermentate o meno.

 

Mentre il tè verde viene stabilizzato con vapore acqueo ed essiccato per evitare la fermentazione, il tè nero si prepara lasciando appassire le foglie che vengono poi arrotolate, lasciate fermentare ed essiccate.

 

Dato che il verde è meno lavorato del tè nero contiene maggiori quantità di antiossidanti e, pertanto, è il più efficace dei due.

 

 

Controindicazioni

 

Quasi sempre gli infusi a base di tè contengono anche sostanze stimolanti, il cui abuso è dannoso per il nostro benessere e può anche annullare i benefici che ne traiamo sotto altri punti di vista.

 

Tutta colpa della caffeina e della teina presenti in moderate quantità nel tè verde.

 

Essendo uno stimolante naturale non risulta dannoso se non se ne abusa, ma se, nella convinzione di far bene, beviamo a litri il tè verde esagerando con le quantità, le ripercussioni a carico del sistema cardiovascolare e nervoso sono fastidiose.

 

Ipertensione, insonnia, nervosismo sono alcuni degli effetti collaterali ben noti.


Per queste ragioni è bene assumere tè verde con moderazione se si soffre già di qualche patologia cardiovascolare oppure di ipertensione.

 

Andrebbe evitato anche in caso di gravidanza. 

 

 

Conclusioni

 

Il tè verde è da considerare una bevanda salutare che si può bere regolarmente, in quantità non esagerata e in armonia con il nostro modo di alimentarci ed il nostro stile di vita.

 

I benefici per il nostro stato psico-fisico possono essere sorprendenti e tangibili per tutti coloro che decidono di consumarne dalle due alle quattro tazzine al giorno.

 

Personalmente, durante le poche permanenze in Giappone di 2/3 settimane ho potuto constatare il benessere generale conseguente  all'uso di bere il tè verde, anche dopo pranzi a base di fritture: la sensazione di leggerezza, di una digestione facile, senza gonfiori, senza sensi di affaticamento e di caduta energetica.