Spezie&Erbe Aromatiche 2

Dopo aver trattato la scorsa volta il rosmarino, la curcuma e lo zenzero, di seguito continuiamo cercando di approfondire gli effetti delle seguenti spezie ed erbe aromatiche:

  • origano, 
  • cannella e 
  • chiodi di garofano.

 


L’origano


E’ considerato la “spezia delle pizze” ma viene utilizzato in molti piatti della cucina mediterranea.


Come potremmo assaporare senza l’origano un piatto di pomodori e mozzarella, un “salmoriglio”, le melanzane sottolio, le alici a scapece, la carne alla pizzaiola, le schiacciatine, le bruschette alla caprese?


E’ impiegato sopratutto nella cucina saporita del sud Italia ma si è fatto strada anche nei paesi più nordici.


Sono incredibili le proprietà benefiche che possiamo ricavare dalle spezie e dalle erbe aromatiche e credo che gli amanti della vera pizza possono essere più che contenti .

 

 

I benefici dell’origano


E’ l’erba aromatica con la più alta attività antiossidante, da 3 a 20 volte rispetto alle altre erbe studiate.


Ad esempio, un cucchiaio di origano fresco contiene la stessa attività antiossidante come una mela di medie dimensioni.


Gli antiossidanti sono diventati sinonimo di buona salute. Essi sono una classe di composti capaci di prevenire alcuni tipi di danni causati da un eccesso di radicali liberi, molecole generate da una varietà di fonti, tra pesticidi, fumo e fumi di scarico.


I ricercatori ritengono che distruggendo i radicali liberi si rafforza la lotta contro il cancro, contro le malattie cardiache e l’ictus.


Uno studio, pubblicato sull'ultimo numero del “Journal of Medicinal Foods”, ha trovato una correlazione forte e diretta tra il contenuto di fenoli di erbe e spezie comuni e la loro capacità di inibire la glicazione e la formazione di composti AGE, che li rende potenti nel prevenire le malattie cardiache e l'invecchiamento precoce.

 

L’origano è ai primi posti nella classifica delle spezie e delle erbe aromatiche.


Altre virtù dell’origano


 

L'origano è una ricca fonte naturale di vitamina K, una vitamina importante che viene spesso trascurata, ma contiene anche il Retinolo ( vitamina A), la Riboflavina, la Tiamina, la Niacina e l’Acido folico (gruppo B); in quantità minori troviamo anche le vitamine C, D, E.


Sono presenti il timolo e il carvacrolo, due oli che hanno notevole azione battericida. Infatti, i ricercatori hanno recentemente scoperto che l'origano è più efficace dei farmaci comunemente prescritti per combattere la Giardia (dal nome del biologo francese Alfred Giard, è una patologia causata da un genere di microrganismi unicellulari Protozoi Flagellati).


L'origano ha un alto contenuto di ferro, manganese e altri minerali importanti per la salute.


E’ anche ricco di fibre (la quantità è simile a quella della cicoria) che aiutano a mantenere sotto controllo il colesterolo e a regolare il transito intestinale.


L'origano è una fonte naturale di acidi grassi Omega-3

 

 

L’olio di origano


Uno studio condotto dalla Unità di medicina complementare e tradizionale, “Technion-Israel Institute of Technology”, ha studiato l'effetto di uno spray nasale composto da diversi oli essenziali tra cui l'olio di origano su 60 uomini con infezioni del tratto respiratorio superiore (il mal di gola e le infezioni polmonari e la congestione che spesso accompagnano il raffreddore).


Questo studio è di altissimo livello, in quanto si tratta di una ricerca, in doppio cieco, randomizzata e confrontata con il placebo.

 

L'analisi statistica ha dimostrato che 20 minuti dopo il trattamento, i pazienti hanno riferito di aver avuto un miglioramento dei sintomi rispetto ai partecipanti del gruppo placebo.


Essi hanno trovato un "miglioramento significativo e immediato dei sintomi dei disturbi respiratori superiori" con l'utilizzo dello spray nasale.


E' un prodotto naturale che potrebbe sostituire il vaccino contro la pertosse, ritenuto inutile.


La pertosse, si sta diffondendo negli USA con incrementi almeno due volte più elevati di quelli registrati nel 2011 e, gli epidemiologi e i funzionari della sanità stanno anche ammettendo che i vaccini possono esserne la causa.


Le proprietà antimicrobiche dell’origano non sono comunque una novità, basti pensare che nel Medioevo, nei paesi islamici, veniva già utilizzato o come killer dei germi.


L'olio di origano assunto per bocca aiuta a combattere i parassiti intestinali, le allergie, la sinusite, l’artrite, l'influenza suina, l’ influenza, il mal di orecchie, e la fatica.


Si applica per i problemi della pelle tra cui l’acne, il piede d'atleta, la pelle grassa, la forfora, le afte, le verruche, la tigna, la rosacea, e la psoriasi, così come per i morsi di ragno, le malattie gengivali, il mal di denti, i dolori muscolari, e le vene varicose.


L’olio di origano è usato anche per via topica come repellente per gli     insetti.


Occorre fare una certa attenzione nell’uso dell’olio di origano perchè può causare irritazione della pelle e delle delle mucose se assunto in concentrazioni o in dosaggi elevati.


Le donne incinte dovrebbero evitare di utilizzarlo.

 

 

La cannella


E’ ricavata dalla corteccia dell'albero della cannella che viene essiccata e arrotolata in bastoncini.

 

Il caratteristico sapore e l'aroma di cannella deriva da un composto che si trova nell'olio essenziale della corteccia chiamata cinnamonaldehyde.


E’ stato recentemente condotto uno studio a Londra di 12 settimane che ha coinvolto 58 diabetici di tipo 2 con emoglobina A1c (HbA1c) a livelli di oltre il 7 per cento. L'emoglobina A1c è un indicatore a lungo termine del controllo glicemico nei pazienti diabetici.


Dopo aver somministrato per 12 settimane 2 g di cannella al giorno, i soggetti dello studio avevano livelli significativamente più bassi di HbA1c, e anche di pressione arteriosa sistolica (significativamente ridotte, SBP e diastolica, DBP).


Conclusione dei ricercatori:

"L'assunzione di 2 g di cannella per 12 settimane riduce significativamente l'HbA1c, SBP e DBP tra pazienti affetti da diabete di tipo 2.


La cannella fornita come integratore, potrebbe essere considerata come opzione aggiuntiva per regolare il glucosio nel sangue e livelli di pressione arteriosa abbinata ai farmaci convenzionali.


In sostanza, è stato dimostrato che mezzo cucchiaino di cannella al giorno, riduce in modo significativo i livelli di zucchero nel sangue, i trigliceridi, il colesterolo LDL (cattivo), i livelli di colesterolo totale nei soggetti con diabete di tipo 2 e la pressione arteriosa.

 

 

Altre virtù della cannella


  • E 'un ottimo antiossidante. Questa è una buona notizia per mantenere il nostro sistema immunitario forte durante i mesi freddi.
  • Ha un effetto anti-coagulante del sangue.
  • Alcuni studi hanno trovato che il profumo di cannella può aumentare le funzioni cognitive e la memoria.
  • E 'un'ottima fonte di fibre, di ferro,di manganese, e di calcio.
  • Agisce come conservante alimentare, inibendo la crescita batterica e il deterioramento degli alimenti.
  • Ha qualità antimicrobiche e antinfiammatorie.
  • Ha una funzione di sostegno della digestione
  • Allevia la congestione
  • Allevia il dolore e la rigidità dei muscoli e delle articolazioni
  • Contiene composti antinfiammatori che possono alleviare l'artrite
  • Aiuta a prevenire le infezioni del tratto urinario, carie e malattie gengivali
  • Allevia disturbi mestruali
  • Fluidifica il sangue con composti che stimolano la circolazione

 

 

Miele e cannella – sembra che i benefici dell’insieme miele-cannella esalti i benefici dell’uno e dell’altra.


E’ un noto rimedio casalingo per i sintomi asmatici.


Si può mescolare un cucchiaino di miele con mezzo cucchiaino di cannella in polvere e prendere l'intruglio prima di andare a dormire la notte e a digiuno al mattino.


Non vuole essere un rimedio rapido come un farmaco, ma con dosaggi ripetuti, molti lo trovano un trattamento efficace per l'asma. 

 

 

Effetti collaterali.


La cannella di solito non provoca effetti collaterali.


L'uso frequente di cannella può irritare la bocca e le labbra, provocando ferite. In alcune persone, può anche causare una reazione allergica.

 

Applicato sulla pelle, in rari casi provoca arrossamenti ed irritazioni.


Quantitativi molto elevati di cannella cassia possono essere tossici, in particolare nelle persone con problemi di fegato.


Poiché la cannella può abbassare lo zucchero nel sangue, per le persone con diabete può essere necessario modificare il loro trattamento medico quando usano integratori a base di cannella.


Un ingrediente in alcuni tipi di cannella, la cumarina, può causare problemi al fegato.


E’ bene sceglier la cannella di qualità e di provenienza certa.

 

 

Chiodi di garofano


Proprietà medicinali e benefici per la salute dei chiodi di garofano


I principi attivi dei chiodi di garofano sono noti per essere antiossidanti, antisettici, anestetici, anti-infiammatori, rubefacenti (riscaldanti e rilassanti il che li rende un rimedio domestico popolare per l'artrite e dolori muscolari, ha proprietà anti-flatulenti.


L’aroma di questa spezia è dovuto a oli essenziali come l’eugenolo, una classe di composti chimici che dà piacevoli, intense fragranze aromatiche.

 

L’eugenolo ha proprietà anestetiche locali e antisettiche, quindi è utile per le cure dentistiche.

 

 

I componenti importanti di questa spezia sono:


Gli oli essenziali, i tannini, i flavonoidi, i triterpenoidi e i sesquiterpeni diversi.


I principi attivi del chiodo di garofano possono aumentare la motilità intestinale e migliorare la digestione aumentando le secrezioni gastro-intestinali degli enzimi.

 

Aiuta ad alleviare i problemi di indigestione e della costipazione.


La spezia contiene anche una buona quantità di sali minerali come il potassio, il manganese, il ferro, il selenio e il magnesio.

 

Il potassio è un elettrolita importante dei liquidi cellulari che aiuta il controllo della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna.

 

Il manganese è usato dal corpo come un cofattore per l'enzima antiossidante, superossido dismutasi.


I chiodi di garofano sono sono una buona fonte di vitamina-K, vitamina B6(piridossina), tiamina(vitamina B-1), vitamina C e riboflavina

 

 

Usi Medicinali


L'olio essenziale eugenolo contenuto in questa spezia è stato usato in odontoiatria come anestetico locale e come antisettico per denti e gengive.


L’eugenolo inoltre ha la capacità di ridurre i livelli di zucchero nel sangue dei diabetici.


Il decotto è talvolta usato nelle preparazioni della medicina tradizionale per il trattamento delle flatulenze e delle indigestioni.


Si ritiene abbia anche una attività naturale antiparassitaria (uccide i vermi intestinali).


L’olio di chiodi di garofano è usato anche in aromaterapia.


Spesso è un componente che troviamo nei dentifrici e nei collutori.


Per i alleviare i sintomi dei reumatismi versare alcune gocce di essenza in 100 ml di olio d'oliva e massaggiare le zone interessate.

 

 

L’utilizzo dei chiodi di garofano per insaporire il cibo.


I chiodi di garofano hanno un forte sapore caldo e piccante, ne bastano minime quantità per dare ai cibi un aroma speziato che dura molto a lungo.


Normalmente è una spezia presente nelle nostre cucine ma, in genere, viene poco utilizzato nonostante non manchino le occasioni per aromatizzare i cibi che prepariamo.


Alcuni esempi di utilizzo dei chiodi di garofano negli alimenti sono:

  • Crostate di frutta. In genere, essi vengono aggiunti a torte di mele e, macinati possono anche essere aggiunti ad altri tipi di torte di frutta per conferire un sapore speziato caldo.

  • Mostarde e sottaceti. I chiodi di garofano danno una gradevole nota piccante a molti di questi condimenti.

  • Si possono infilare in un prosciutto da cucinare al forno.

  • Completano i sapori dei piatti con la zucca e la verdura

  • Rendono squisiti alcuni piatti piemontesi come la lepre o il coniglio al “civet”

  • Sono indispensabili nel vin Brulè assieme alla cannella e ad altre spezie e aromi.


 

Per il momento abbiamo conosciuto meglio altre tre profumate spezie con le loro numerose proprietà benefiche, in seguito continueremo con le tante altre spezie e erbe aromatiche che possiamo utilizzare in cucina.