Sovrappeso & Obesità

(Pubblicato il 30 ottobre 2016)

L'obesità è diventata la principale forma di malnutrizione e colpisce sopratutto i nostri figli.

 

L'obesità infantile in Italia ha raggiunto numeri che pongono il nostro paese ai primi posti in Europa con il 20,9% di bimbi in sovrappeso e il 9,8% di obesi. Sono i risultati, presentati dal ministero della Salute/Centro per il Controllo e la prevenzione delle Malattie(Ccm).

 

Negli Stati Uniti il numero dei bambini obesi è quasi triplicato dal 1980, uno su cinque bambini di sei anni è in sovrappeso e il 17 per cento dei bambini e degli adolescenti sono obesi. (1)

 

In un recente articolo investigativo la giornalista Martha Rosenberg, (2) ha precisato che il peso medio degli americani è aumentato di 24 chili nei quattro decenni tra il 1960 e il 2000. Sulla terra, il numero degli obesi rischia di superare il numero delle persone sottopeso.

 

I ricercatori che esaminano i tassi di obesità in tutto il mondo fanno notare che per la prima volta nella storia, le persone obese oggi sono più numerose di quelle che sono sottopeso. I tassi di obesità sono notevolmente aumentati in tutto il mondo nel corso degli ultimi quattro decenni, e in base a questo studio: (3) (4) (5) (6)

  • 641 milioni di persone erano obesi nel 2014, rispetto ai 105 milioni del 1975. Un totale di 55 milioni oggi sono patologicamente obesi

  • In questo lasso di tempo, l'obesità è triplicato tra gli uomini e tra le donne è raddoppiato, mentre il numero di persone che sono sottopeso è leggermente diminuito, da circa il 14 per cento nel 1975 a circa il 9 per cento nel 2014

  • Entro il 2025, si stima che il tasso di obesità raggiungerà il 20 per cento della popolazione adulta mondiale.

Lo studio conclude che finora, le politiche governative e gli interventi non sono riusciti a frenare i tassi di obesità nella maggior parte dei paesi e "per evitare un'epidemia di obesità grave, il passo successivo deve essere quello di attuare queste politiche e di valutare sistematicamente il loro effetto."

 

Come osservato nello studio, i farmaci e la chirurgia non sono sufficienti ad affrontare i rischi per la salute associati agli attuali elevati livelli di BMI (indice di massa corporea). Inoltre, i responsabili della sanità pubblica dovranno fronteggiare la sfida e sviluppare strategie che affrontino non solo l'obesità, ma anche la malnutrizione.

 

Si fa sempre più strada la convinzione che i tassi di obesità attuali sono una conseguenza di una dieta basata su alimenti trasformati e raffinati spesso ad alto contenuto in carboidrati e proteine di scarsa qualità e troppo povera di grassi salutari. Un alto contenuto di grassi nella dieta e un basso contenuto in carboidrati sembra davvero essere la chiave che può invertire questa tendenza.

 

E 'importante rendersi conto che non si accumula grasso mangiando grassi. Si ingrassa quando non si bruciano i grassi in modo efficace e questo è il risultato del metabolismo di una dieta ad alto contenuto in zuccheri. Si migliora in modo molto efficace la capacità del corpo di bruciare grassi se il fabbisogno energetico viene soddisfatto con il corretto carburante.

 

Con l'obesità è in forte aumento anche il diabete

L'obesità costituisce un importante fattore di rischio per l'insulino-resistenza e per il diabete di tipo 2; non è una sorpresa che i tassi di diabete siano schizzati alle stelle.

 

Come notato dal Dr. Etienne Krug, funzionario responsabile della lotta contro il diabete, (7) presso l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ", il mondo si trova ad affrontare una 'marcia inesorabile' verso il diabete che colpisce ormai quasi 1 individuo ogni 11 adulti" in tutto il mondo .

 

Secondo le statistiche (OMS), i tassi di diabete sono quadruplicati tra il 1980 e il 2014, da 108 a 422 milioni e ogni anno sono la causa di 3,7 milioni di morti in tutto il mondo".

 

Quattro decenni fa, le nazioni ricche avevano i più alti tassi di diabete. Oggi, paesi a basso e medio reddito hanno i tassi più elevati. Questo non è così sorprendente se si considera la diffusione di alimenti trasformati in queste nazioni.

 

L'OMS attribuisce l'aumento del diabete alla mancanza di esercizio fisico e alla crescente prevalenza di alimenti trasformati. L'aumento dei livelli di stress sono anche considerati. Per affrontare l'aumento dei tassi di diabete occorre:

  • Regolare il contenuto di grassi e zucchero negli alimenti

  • Migliorare la pianificazione urbana per consentire di poter camminare e andare in bicicletta

  • Incoraggiare l'allattamento al seno

  • Sollecitare l'industria alimentare ad "agire in modo responsabile" per ridurre il contenuto di grassi e zuccheri dannosi ed evitare di pubblicizzare cibi spazzatura per i bambini.

 

 

Rischi per la salute associati all'obesità

Essere magri non è necessariamente una prova del proprio buon stato di salute. Le disfunzioni metaboliche possono colpire tutti coloro che non seguono una dieta ottimale. Tuttavia, quando il peso è in eccesso è inevitabile incorrere in problemi di salute. Questo è il motivo per cui l'obesità infantile è una grave preoccupazione considerato che i bambini obesi, rischiano con molta più probabilità di subirne le conseguenze, molto prima nella loro vita adulta.

 

Il cancro è una pericolo di lungo termine. In tutto il mondo, l'obesità è responsabile di mezzo milione di malati di cancro ogni anno.

 

La resistenza all'insulina e alla leptina che interviene con l'obesità provoca anche l'infiammazione cronica; un fattore collegato a una serie di problemi di salute. L'elenco completo di malattie connesse con l'eccesso di peso è molto lungo. Il seguente è solo un esempio di alcuni dei rischi: 

  • Ipertensione, malattie cardiache e ictus

  • Malattie della cistifellea

  • Declino cognitivo, demenza e morbo di Alzheimer (8)

  • Malattie renali . Le persone obese hanno quasi sette volte più probabilità di sviluppare problemi renali rispetto a quelle di peso normale. (9) Essere in sovrappeso ma non obesi aumenta il rischio di malattie renali di 3,5 volte.

  • Patologia non alcolica del fegato grasso (NAFLD). NAFLD è stata identificata nel 38 per cento dei bambini e adolescenti obesi negli Stati Uniti, (10) aumenta il rischio di rendere necessario il trapianto di fegato, in quanto impedisce allo stesso di funzionare correttamente

 

Come invertire l'epidemia di obesità

E 'importante rendersi conto che non è possibile trovare una via d'uscita con una cattiva alimentazione. Non funzionano neanche le diete da fame!

 

Nel libro di Zoe Harcombe, "The Obesity Epidemic: What Caused It? How Can We Stop It? " si trova un'ottima spiegazione del perché semplicemente mangiare meno e muoversi di più non è la risposta al problema dell'obesità.

 

Una delle ragioni per cui il conteggio delle calorie non funziona ha a che fare con la complessità del corpo umano. Quando si adotta una dieta da fame, il nostro corpo tende a intraprendere varie azioni per sopravvivere. Ad esempio, riducendo la funzione della tiroide in modo da indurre il nostro corpo non bruciare molte calorie.

 

Detto questo, l'astensione periodica dal cibo (ad esempio il digiuno intermittente) può essere un fattore importante che contribuisce ad ottimizzare il peso corporeo. Vedi anche: http://www.nutrizionenaturale.org/digiuno-intermittente/

 

I nostri antenati non avevano accesso al cibo 24 ore per sette giorni alla settimana, quindi la nostra genetica è ottimizzata per l'assunzione di cibo a intervalli variabili, non ogni poche ore. Quando si mangia ogni poche ore per mesi, anni, o decenni, non si salta mai un pasto, il corpo perde l'abitudine di bruciare il grasso come combustibile e questa è davvero la chiave per la gestione del peso che funziona.

 

Un'altra possibilità è di mangiare più grassi salutari, meno carboidrati al netto delle fibre e meno proteine. La dieta a basso contenuto in grassi e alto contenuto in carboidrati ha senza dubbio contribuito alla epidemia di obesità.

 

Uno dei motivi per cui i grassi saturi sono stati diffamati per così tanto tempo è perché si è fatta confusione con grassi trans, che sono un artefatto industriale e, in effetti, questi tipi di grassi aumentano il rischio di morte prematura causata da  patologie cardiache, cancro, diabete e morbo di Alzheimer.

 

I grassi saturi sono stati associati a problemi di salute (facendo confusione con grassi trans), ma non sono la causa di queste malattie. E' comunemente noto che l'associazione non dimostra la causalità. In realtà i grassi saturi e i grassi trans non sono mai stati separati ed è il motivo per cui i grassi saturi sono stati così vilipesi.

 

La maggior parte degli studi più recenti indicano che i grassi saturi sono benefici, mentre sono i grassi trans che creano problemi.

 

 

Gli alimenti trasformati sono i colpevoli

Nel corso degli ultimi 60 annì, una moltitudine di alimenti drasticamente trasformati in combinazione con una ridotta attività fisica e una maggiore esposizione a sostanze chimiche tossiche hanno creato condizioni scatenanti di molte malattie.

 

L'ampio uso di zucchero raffinato - principalmente sotto forma di sciroppo di fruttosio da mais, aggiunto agli alimenti è al centro di tutto.

 

Come regola generale, "cibo" è uguale a "sostanze nutritive vitali." I nutrienti, a loro volta, alimentano le cellule, ottimizzando la nostra salute e sostengono la vita.

 

Obesità, diabete, colesterolo elevato, ipertensione e patologie cardiache sono tutte malattie associate ad una dieta basata su alimenti trasformati - una chiara indicazione che la stessa non fornisce i nutrienti appropriati per il nostro corpo.

 

Inizia a farsi sempre più strada la convinzione che la causa maggiore dell'obesità risieda nel consumare più di 50 grammi di carboidrati netti al giorno (totale carboidrati-meno le fibre) e una quantità eccessiva di proteine.

 

Una volta ridotto il consumo di carboidrati netti al di sotto di 50 grammi con un apporto proteico moderato di 30-60 grammi, uniti a grassi di alta qualità, il corpo inizia a svegliare il suo metabolismo che migliora la sua capacità di bruciare i grassi e, col tempo, diventerà praticamente impossibile rimanere in sovrappeso .

 

Opportunamente la Food and Drug Administration (FDA) ora raccomanda un limite giornaliero di zuccheri aggiunti, e i produttori di alimenti potrebbero presto dover indicare la quantità di zuccheri aggiunti in etichetta. L'obiettivo è quello di limitare l'apporto di zuccheri a non più del 10 per cento del fabbisogno di calorie giornaliere.

 

In seguito vedremo che esistono anche altri fattori che contribuiscono all'obesità e alle precarie condizioni di salute che devono essere considerati se si vuole affrontare con successo la presente epidemia di obesità. Riguardano l'eccessivo uso di antibiotici, di sostanze chimiche ambientali, inattività, stress e mancanza di sonno.

 

5 fattori sorprendenti che fanno mettere su chili

 

Nel suo articolo, la Rosemberg prende in esame cinque fattori scientificamente provati che contribuiscono ad aumentare la circonferenza dell'addome che è bene conoscere.

 

Contrariamente alla credenza popolare, l'obesità non è semplicemente il risultato dell'assunzione di troppe calorie e di inattività fisica.

 

Accanto a questi fattori, vi è una serie di altri elementi ambientali e di stile di vita che possono influire sull'aumento del peso corporeo, se non altro perché non ci rendiamo conto che sono fattori che dipendono da noi stessi e per questo non riusciamo a controllare:

 

 

1) Antibiotici da farmaci ma anche contenuti nei cibi

 

Studi convincenti indicano che l'uso eccessivo di antibiotici e l'obesità sono strettamente collegati. I motivi non sono stati ben compresi fino a quando non è stata scoperta l'influenza del microbioma sul peso corporeo.

 

Gli antibiotici possono salvare la vita quando sono necessari, ad esempio nel caso di una grave infezione batterica, ma non sono necessari per ogni piccolo disturbo ad esempio all'orecchio, al naso o alla gola.

 

Occorre ricordate che gli antibiotici sono inutili contro le infezioni virali del raffreddore comune e dell'influenza e, quando vengono utilizzati per tale scopo, danneggiano solo la salute spazzando via i batteri benefici dall'intestino.

 

I batteri benefici sono, infatti, così importanti per la salute che i ricercatori li hanno, considerati come "un nuovo organismo a se stante".

 

Si tratta di un riconoscimento del fatto che non possiamo godere di una buona salute senza la partecipazione di una vasta gamma di microrganismi benefici.

 

In medicina in effetti si fa un uso eccessivo di antibiotici ma una fonte di esposizione è costituita anche dalla dieta.

 

Prima dell'entrata in vigore della nuova normativa del 2006, gli antibiotici venivano sistematicamente impiegati negli allevamenti intensivi di animali sia per evitare gravi patologie favorite dagli ambienti malsani che per ottenere un rapido aumento di peso degli animali.

 

Le ricerche indicano che gli antibiotici hanno lo stesso effetto sugli esseri umani. Secondo i dati analizzati dal giornalista Maryn McKenna, (11) gli stati americani che fanno il maggiore uso di antibiotici hanno anche uno stato di salute, compresi i più alti tassi di obesità, peggiore rispetto agli altri stati USA.

 

 

2) Altri farmaci usati in zootecnia che favoriscono la crescita degli animali

 

Altri farmaci che stimolano la crescita utilizzati per ingrassare il bestiame possono alterare il nostro stato di salute.

 

In medicina umana, i beta-agonisti si trovano nei farmaci per l'asma e, un disturbo comune tra i pazienti asmatici che utilizzano l'Advair (un farmaco beta-agonista), è il regolare significativo aumento di peso tanto è vero che il produttore ha dovuto aggiungere tra gli effetti collaterali l'aumento di peso.

 

 

3) Interferenti endocrini, inclusi i pesticidi

 

Molte sostanze chimiche comuni sono note come perturbatori endocrini, alcune delle quali si trovano nei prodotti in plastica. Sono sostanze chimiche simili nella struttura agli ormoni sessuali naturali, quali gli estrogeni e possono interferire con le normali funzioni biologiche.

 

Gli esempi più diffusi riguardano il bisfenolo-A (BPA), il PCB, gli ftalati, il triclosan, i pesticidi agricoli e i ritardanti di fiamma.

 

Come osserva la Rosenberg, i perturbatori endocrini non solo sono associati ad un elevato rischio di infertilità, bassa conta degli spermatozoi, pubertà precoce, diabete e altri problemi di salute ma sono stati anche associati all'obesità.

 

"Già nel 2003, la rivista “The journal Toxicological Sciences” (8) indicava gli effetti che gli interferenti endocrini avevano sullo sviluppo fetale. Molto probabilmente, giocano un ruolo nella obesità in età adulta".

 

È interessante notare che molte sostanze chimiche interferenti sul sistema endocrino sono state associate all'aumento di peso a livelli di presenza non ancora tossici. Come fa notare l'autore:

 

"I dati che dimostrano che l'attuale epidemia di obesità non può essere spiegata solo da alterazioni nella assunzione di cibo e/o diminuzione di esercizio fisico. C'è una componente di predisposizione genetica nell'obesità; tuttavia, la genetica non può essersi modificata solo nel corso degli ultimi decenni. Questo fa ritenere che i cambiamenti ambientali potrebbero essere i responsabili per almeno una parte della attuale epidemia di obesità …"

 

Questo articolo fornisce esempi affascinanti di sostanze chimiche che sono state sottoposte a test standard per la loro tossicità e che hanno causato l'aumento di peso negli animali a dosi inferiori a quelle che possono provocare una tossicità evidente. Queste sostanze chimiche includono metalli pesanti, solventi, policlorobifenili, organofosfati, ftalati e bisfenolo A. Un aspetto dei dati che è stato generalmente trascurato.

 

Alcuni prodotti chimici agricoli, il glifosato in particolare, possono anche interessare il nostro peso alterando i batteri intestinali benefici. Recenti ricerche hanno dimostrato che questo erbicida provoca l'interruzione delle funzioni e dei cicli di vita microbici e preferenzialmente colpisce i batteri benefici, permettendo così l'invasione degli agenti patogeni.

 

Negli Stati Uniti, la maggior parte del glifosato che si usa riguarda le coltivazioni OGM come la barbabietola da zucchero, il mais, la soia e il grano.

 

Oltre ad alterare la flora intestinale, il glifosato aumenta anche gli effetti dannosi di altri residui chimici di origine alimentare e le tossine ambientali.

 

 

 

4) Dolcificanti artificiali

 

L'attività dei dolcificanti artificiali si basa sull'idea che i sostituti dello zucchero a basso contenuto calorico aiutano a perdere peso. Purtroppo, questo semplicemente non è vero.

 

La ricerca ha ripetutamente dimostrato che edulcorando i cibi e le bevande, queste tendono a stimolare l'appetito, aumentare il desiderio di carboidrati e stimolando l'accumulo di grasso con il conseguente aumento di peso.

 

Parte del problema è che i dolcificanti artificiali ingannano il nostro corpo che ha la sensazione di ricevere zuccheri (calorie) e, quando questi non arrivano ne sente l'impellente bisogno. Questo si traduce in un aumento del desiderio di carboidrati. La connessione tra gusto dolce e aumento della fame si può trovare nella letteratura medica che risale ad almeno due decenni fa.

 

I dolcificanti artificiali producono anche una varietà di disfunzioni metaboliche (9) che promuovono l'aumento di peso. Una revisione del 2010 pubblicata nel “Yale Journal of Biology e Medicine” (10) è di particolare rilevanza in quanto offre una grande sintesi storica dei dolcificanti artificiali con le evidenze epidemiologiche e sperimentali intese a dimostrare che i dolcificanti artificiali tendono a promuovere l'aumento di peso. Esso illustra anche che, con l'aumento dell'uso dei dolcificanti artificiali, sono anche aumentati i tassi di obesità.

 

Secondo l'autore della recensione: "Intuitivamente, la gente sceglie i dolcificanti artificiali non calorici in sostituzione dello zucchero per diminuire di peso o per mantenere il peso forma ... Ma, i dolcificanti artificiali effettivamente aiutano a ridurre il peso? Sorprendentemente, i dati epidemiologici sostengono il contrario. Diversi studi prospettici su larga scala hanno trovato una correlazione positiva tra l'uso dei dolcificanti artificiali e l'aumento di peso corporeo. "

 

Un altro studio, citato in un recente articolo pubblicato sul “Democrat & Chronicle”, (12) ", afferma che i bevitori frequenti di bevande dietetiche gassate hanno registrato incrementi nella circonferenza della vita del 500 per cento superiore rispetto ai non bevitori di tali tipi di bevande."

 

 

 

5) Marketing aggressivo del cibo spazzatura

 

Ultimo ma non meno importante, è la questione del marketing applicato al cibo spazzatura che risulta particolarmente dannoso quando è rivolto ai bambini.

I bambini sono letteralmente ingannati e manipolati da parte delle imprese che producono cibo spazzatura alla ricerca di utili, fino a distruggere la loro salute.

 

Non c'è davvero niente di "accidentale" circa l'aumento dei tassi di obesità infantile quando si prende in considerazione il marketing ingannevole ... il marketing per bambini è in realtà diventato una scienza in piena regola.

Ad esempio, "il nag factor" è stato studiato al punto che i produttori possono essere informati su quali tipi di capricci che hanno più probabilità di spingere i genitori ad aderire alle richieste del loro bambino!

 

La diffusione del marketing è anche cresciuta in maniera esponenziale negli ultimi 30 anni, grazie alla rapida evoluzione dei progressi tecnologici. Il marketing non è più limitato agli annunci TV e nelle riviste. I bambini sono ora esposti al marketing tramite licenza di marchio, “product placement” nelle scuole, “marketing stealth”, “viral marketing”, DVD, giochi, e internet.

 

Secondo un rapporto del 2013, l'Istituto di Medicina (IOM), (13) i bambini di età compresa tra i 2-11 anni oggi vedono una media di più di 10 annunci alimentari televisivi al giorno e quasi tutti (98 per cento) riguardano prodotti elaborati ad alto contenuto in grassi idrogenati, zuccheri e/o sale. La maggior parte (79 per cento) risultano a basso contenuto in fibre. (14)

 

Quello che stiamo vedendo è un aumento del "marketing immersive” a 360 gradi, progettato per trasformare i bambini in consumatori fedeli per tutta la vita e, quando si tratta di prodotti alimentari trasformati, i bambini subiscono un lavaggio del cervello per far loro credere che i cibi spazzatura li renderanno sani e felici. La verità, tuttavia, è diametralmente opposta a tale propaganda ...

 

Il relatore speciale sul diritto dell'alimentazione presso le Nazioni Unite, Olivier De Schutter, (15) ha recentemente avvertito che "l'obesità è una minaccia per la salute globale più grande dell'uso del tabacco."

 

L'American Society of Clinical Oncology (16) (ASCO) ha recentemente rilasciato una dichiarazione sulla questione dell'obesità e del cancro in cui afferma che "l'obesità ha rapidamente sorpassato il tabacco come la principale causa evitabile del cancro."

 

Durante il vertice annuale dell'Organizzazione mondiale della sanità di quest'anno, De Schutter ha esortato le nazioni a unire le forze per definire norme più severe sui cibi non sani: "Proprio come il mondo si è riunito per gestire i rischi del tabacco."

 

L'obesità può essere letale

 

Il cibo poco salutare economico porta ad elevati costi di assistenza sanitaria. Le malattie connesse con l'obesità è previsto che facciano aumentare di molto i costi nazionali di assistenza sanitaria annuali per i prossimi due decenni. (17)

 

Teniamo a mente che, l'obesità associata con la sindrome metabolica e le malattie sotto indicate è semplicemente un marcatore.

 

Il legame comune tra esse e la disfunzione metabolica è l'eccessivo consumo di zuccheri, in particolare il fruttosio, come causa primaria. Quindi, anche se non compaiono ancora i segni clinici di una disfunzione metabolica, il fatto che si verifichi un eccesso di peso è un segnale sufficiente di allarme.

 

Malattie attribuibili all'obesità (18) includono ma non sono limitate a:

  • Diabete di tipo 2

  • Cancro (soprattutto mammella, dell'endometrio, del colon, della cistifellea, della prostata, del rene e (19)

  • Malattie cardiache e ingrossamento del cuore

  • Disturbi del sonno (compresa l'apnea del sonno)

  • Embolia polmonare

  • Ipertensione

  • Sindrome dell'Ovaio Policistico

  • Reflusso gastro-esofageo

  • Fegato grasso (NAFLD)

  • Ernia

  • Disfunzione erettile

  • Demenza

  • Incontinenza urinaria

  • Disfunzione renale cronica

  • Edema linfatico

  • Cellulite

  • Ictus

  • Problemi lipidici

  • La sindrome di Pickwick

  • Depressione

  • Osteoartrite

  • Gotta

  • Malattia della cistifellea

  • Asma

 

Conquistare la salute con una corretta alimentazione

In poche parole, se si vuole raggiungere il peso forma ed una buona salute, è necessario affrontare la qualità del cibo che assumiamo ed evitare l'esposizione a sostanze chimiche dannose.

 

Molti finiscono per gettare la spugna quando cercano di adottare una dieta sana e pura, osservando che una volta che iniziano a leggere le etichette, si rendono conto che non c'è "niente di sicuro da mangiare". Se questa considerazione risuona famigliare, probabilmente siamo ancora legati agli alimenti trasformati industrialmente e continuiamo a cercare di capire quali sono quelli "buoni" per noi e questo è il problema.

 

Il numero degli ingredienti da evitare è quasi infinito e tenerne traccia può essere davvero scoraggiante. La risposta è quella invece di creare un elenco di opzioni salutari molto più breve e facile da ricordare.

 

Il seguente elenco super-semplice è una guida non solo migliorare la propria nutrizione, ma anche per evitare innumerevoli esposizioni chimiche che possono influenzare il peso corporeo:

 

 

 

1) Mangiare cibi autentici.

Acquistare prodotti integrali, idealmente biologici, alimenti non precotti. Prima di tutto, questo ridurrà automaticamente il consumo di zuccheri aggiunti che è la causa principale della insulino-resistenza e dell'aumento di peso. Se si acquistano prodotti biologici, si potrà anche ridurre l'esposizione ai pesticidi e ai diserbanti. Evitandogli alimenti trasformati, si eviteranno automaticamente idolcificanti artificiali e i grassi trasformati nocivi. 

 

 

Optare per carni biologiche

Si possono evitare ingredienti geneticamente modificati, pesticidi, ormoni, antibiotici e altre sostanze utilizzate per accelerare la crescita degli animali.

 

 

Optare per imballaggi e contenitori in vetro

per evitare interferenti endocrini.

 

 

Ridurre i carboidrati netti

a meno di 50 grammi al giorno e limitare le proteine ad un grammo per chilogrammo di massa corporea magra. Le restanti calorie dovrebbero provenire da grassi di alta qualità come l'avocado, il burro, l'olio di cocco, i semi e la frutta secca a guscio.

 

Dopo aver ottimizzato la dieta, se necessario, si potrebbero riconsiderare i tempi dei pasti. Il digiuno intermittente può essere molto efficace per aiutare il passaggio dalla modalità brucia-zuccheri alla modalità brucia-grassi. Occorre tenere in  considerazione anche l'aumento dell'attività fisica quotidiana. Idealmente, raggiungere un obiettivo di 7.000 a 10.000 passi al giorno.

 

In seguito è possibile adottare un programma di esercizi fisici di routine che aiuterà a massimizzare tutti gli altri salutari cambiamenti nello stile di vita.

 

Per la salute generale e per la longevità occorrerà rimanere attivi ogni giorno ed evitare che lo stare seduti prenda il sopravvento!