Camminare nei boschi riduce l'ansia, apporta benefici al Cuore

 

Ricercatori internazionali hanno recentemente confermato che camminare nei boschi rispetto a camminare in un ambiente urbano produce benefici alla salute.

 

I ricercatori, provenienti da Finlandia, Giappone e Corea, hanno confrontato gli effetti del camminare su 48 uomini adulti sani. Durante il processo di formazione del gruppo, i ricercatori hanno escluso dallo studio i fumatori e coloro con diagnosi di malattie cardiache, allergie e neuropatie. Durante le due giornate di studio, i 48 uomini non hanno bevuto alcolici, non hanno fumato né fatto esercizi fisici impegnativi.

 

I ricercatori hanno utilizzato un parametro fisiologico chiamato variabilità della frequenza cardiaca, misurata da un elettrocardiografo portatile (ECG ). L'ECG permette ai ricercatori di misurare l'attività nervosa autonoma.

 

Misure di alta e bassa frequenza e livelli di variabilità della frequenza del battito cardiaco sono state effettuate per valutare l'attività del sistema nervoso simpatico. Le misure di frequenza cardiaca sono state registrate con i soggetti in piedi. Queste misure di frequenza indicano la salute metabolica e la condizione nervosa - ansia e stress.

 

Inoltre, i ricercatori hanno misurato la pressione sanguigna utilizzando uno sfigmomanometro portatile. I valori di pressione cardiaca sono stati misurati tre volte durante ogni passeggiata, oltre all'inizio e al termine di ognuna di esse.

 

Dei questionari sono stati forniti ai soggetti per misurare contemporaneamente i loro stati d'animo e le condizioni psicologiche. In tutto sono stati forniti quattro questionari. I rilievi includevano l'indice del Profilo dello Stato d'Animo (POMS) e l'indice dello Stato di Ansia (STAI).

 

 

Il protocollo di test del cammino

 

I soggetti hanno camminato al loro ritmo, tra ambienti boschivi in quattro diverse località del Giappone. Ogni camminata a piedi nel bosco è stata abbinata ad una passeggiata urbana nella stessa regione. I percorsi erano tutti più o meno in piano, e le distanze erano identiche.

 

Ogni cammino è durato 12-15 minuti. I gruppi sono stati divisi in modo casuale e per metà hanno camminato nel bosco e l'altra metà camminavano nel centro urbano. Il giorno successivo, il gruppo del bosco camminava nel centro urbano e il gruppo urbano camminava nel bosco.

 

I ricercatori hanno scoperto che la velocità tra le passeggiate forestali e le passeggiate urbane erano circa le stesse.

 

Il tasso di variabilità della frequenza cardiaca - chiamato anche HF - HRV - indica le fluttuazioni del ritmo cardiaco e la salute generale. L'elevata variabilità della frequenza cardiaca indica il livello più elevato dello stato d'ansia, la ridotta salute cardiovascolare, la tendenza verso la depressione e l'ostilità. La ricerca ha anche messo in evidenza come i punteggi nei valori HRV ad alta frequenza sono correlati al migliore sonno.

 

 

I risultati sono stati significativi

 

Questo studio ha riscontrato che mentre le passeggiate nel bosco e quelle urbane avevano la stessa durata di tempo ed erano fisiologicamente le stesse, la camminata urbana ha comportato livelli significativamente più elevati di variabilità della frequenza cardiaca e la passeggiate nei boschi significativamente più bassa. La frequenza cardiaca media durante la passeggiata nel bosco era di 87 BPM (battiti per minuto), mentre la passeggiata media urbana era quasi 92 BPM.

 

La pressione arteriosa sistolica durante la passeggiata nel bosco era significativamente inferiore rispetto alla passeggiata urbana: 116 mmHg rilevati nella passeggiata nel bosco e di 114 mmHg durante la passeggiata urbana.

 

Da notare che si trattava delle stesse persone che hanno fatto due passeggiate simili - l'unica differenza era dovuta all'ambiente in cui le camminate venivano effettuate.

 

Per quanto riguarda i questionari, le passeggiate nel bosco hanno provocato significativamente migliori punteggi tra gli uomini. Ciò ha incluso l'indice tensione/ansia - 36 contro 42 punti - il punteggio di rabbia/ostilità - 37,7 contro 39 punti - fatica - 36 contro 41 e confusione - 42 contro 44.

 

I soggetti che hanno effettuato la passeggiata nel bosco si sono sentiti più “freschi” rispetto a quelli che hanno effettuato la passeggiata urbana- con un punteggio di 65 contro 50.

 

 

I ricercatori hanno affermato:

 

"La valutazione soggettiva utilizzando il metodo SD ha rivelato che i partecipanti hanno ritenuto più comoda, pacata, e naturale la camminata nel bosco rispetto alla camminata urbana sia prima che dopo le attività ".

 

Una delle differenze più significative si è verificata nei livelli di ansia. I camminatori nel verde hanno riportato un punteggio di 33 dopo la passeggiata, mentre i camminatori urbani 45 sulla scala dei valori dell'ansia.

 

I ricercatori hanno concluso:

 

" Abbiamo eseguito esperimenti sul campo in quattro diverse aree locali per valutare i benefici fisiologici della passeggiata. I nostri dati hanno indicato che il programma nel bosco a piedi ha un'influenza positiva sul relax cardiovascolare".

 

Hanno anche aggiunto che i benefici delle escursionisti boschive reggono bene il confronto con quelli che sono stati ottenuti dalla ricerca sulla meditazione o nella terapia yoga.

 

La maggior parte di noi ha provato l'effetto calmante e rilassante della natura rispetto al viaggio attraverso la giungla urbana. La natura ha la capacità di sincronizzare i nostri corpi e le nostre menti.

 

 

Referenze:

Juyoung Lee, Yuko Tsunetsugu, Norimasa Takayama, et al., “Influence of Forest therapy on Cardiovascular Relaxation in Young Adults,” Evidence-Based Complementary and Alternative Medicine, vol. 2014, Article ID 834360, 7 pages, 2014. doi:10.1155/2014/834360

Murata T, Takahashi T, Hamada T, Omori M, Kosaka H, Yoshida H, Wada Y. Individual trait anxiety levels characterizing the properties of zen meditation. Neuropsychobiology. 2004;50(2):189-94. http://www.karger.com/?DOI=10.1159/000079113

 

Tobaldini E, Nobili L, Strada S, Casali KR, Braghiroli A, Montano N. Heart rate variability in normal and pathological sleep. Front Physiol. 2013 Oct 16;4:294. http://dx.doi.org/10.3389/fphys.2013.00294