Dentifrici: ingredienti da evitare

(Inserito in data 5 ottobre 2015)

Conosciamo molto bene l'importanza della pulizia dei denti dopo i pasti con l'impiego dello spazzolino e del dentifricio per evitare carie, infiammazioni e altri disturbi.


Normalmente però non ci soffermiamo a leggere gli ingredienti del dentifricio per capire quale influenza possono avere sulla nostra salute.


In realtà nel corso della vita ne utilizziamo decine di litri e, anche se non lo ingeriamo, alcune sostanze chimiche possono finire nel flusso sanguigno.


La bocca è in realtà uno dei luoghi più assorbenti di tutto il corpo. È per questo che alcuni farmaci vengono somministrati per via sublinguale, o sotto lingua. Mentre stiamo doverosamente spazzolando i denti, gli ingredienti del dentifricio si inseriscono nella bocca e nelle gengive, la porta d'ingresso per ogni sistema del nostro corpo.


Molte marche popolari contengono ingredienti discutibili da evitare ed è per questo che è bene essere molto attenti nella scelta del dentifricio.

Ingredienti tossici presenti in alcuni dentifrici


1) Triclorosan


Il dentifricio popolare Colgate Total contiene un composto chimico antibatterico chiamato triclosan, che permette all'azienda di presentarlo come l'unico dentifricio approvato dalla FDA per combattere la placca e le gengiviti." (1)


E' stato dimostrato che il Triclorosan in effetti aiuta a prevenire le gengiviti, ma il beneficio ha un prezzo salato. La sostanza chimica è stata collegata a preoccupazioni sulla resistenza agli antibiotici e a disturbi al sistema endocrino.


Le sostanze chimiche che agiscono sul sistema endocrino sono una seria preoccupazione in quanto possono promuovere una grande varietà di problemi

al seno, alle ovaie, alla prostata, cancro ai testicoli, basso peso alla nascita dei neonati, pubertà precoce nelle ragazze e la ritenzione dei testicoli nei ragazzi.


Alcuni studi sugli animali hanno dimostrato che il triclosan causa malformazioni ossee fetali nei topi e nei ratti, che possono essere la conseguenza degli effetti ormonali.


Nelle persone che spazzolano i denti con Colgate Total sono state trovate quantità più di cinque volte superiori di triclosan nelle urine rispetto a chi non l'ha usato. 2


2) Sodio laurilsolfato (SLS)


Molti dentifrici contengono tensioattivi come il sodio laurilsolfato, o simili. I tensioattivi sono sostanze chimiche responsabili della schiuma dei dentifrici, ma interferiscono anche con il funzionamento del nostro palato scindendo i fosfolipidi presenti sulla lingua.

Ciò aumenta il gusto amaro ed è il motivo per cui tutto ha un sapore così cattivo subito dopo aver lavato i denti. Il SLS è anche stato collegato a irritazione della pelle e afte dolorose per cui viene sconsigliato alle persone con piaghe ricorrenti. 3

Tuttavia, uno dei problemi principali dell'SLS è che il processo di fabbricazione (etossilazione) provoca la potenziale contaminazione con l'1,4 diossano, un sottoprodotto cancerogeno. 4 Il processo di fabbricazione rilascia anche composti organici volatili cancerogeni nell'ambiente.


L'SLS è anche registrato come insetticida e può avere effetti tossici per la vita marina, inclusi pesci, insetti e crostacei. 5


I produttori hanno cercato di ottenere l'approvazione per commercializzare SLS come pesticida per l'agricoltura biologica, ma la domanda è stata respinta a causa del rischio di danni ambientali 5

 


3) Dolcificanti artificiali

L'aspartame e altri dolcificanti artificiali vengono spesso aggiunti ai dentifrici commerciali. L'aspartame è costituito principalmente da acido aspartico e fenilalanina. La fenilalanina è stata sinteticamente modificata per trasportare un gruppo metilico che fornisce la maggior parte della dolcezza.

Il legame fenilalanina-metilico, chiamato estere metilico, è molto debole e tale da permettere al gruppo metile della fenilalanina di rompersi facilmente e formare metanolo. Potremo aver sentito l'affermazione che l'aspartame è innocuo perché il metanolo si trova anche nella frutta e nella verdura.

Tuttavia, nella frutta e nella verdura, il metanolo è saldamente legato alla pectina e può così di passare in modo sicuro attraverso l'apparato digerente. Non è così con il metanolo formato dall'aspartame dal momento che non essendo legato a composti che contribuiscono alla sua eliminazione dal nostro corpo. Questo è il primo problema.

Il secondo, riguarda il fatto che gli esseri umani sono gli unici mammiferi non dotati di un meccanismo biologico protettivo che scompone il metanolo in acido formico innocuo e attraverso i vasi sanguigni giunge in aree sensibili, come il cervello, viene convertito in formaldeide. E poiché non è presente la catalasi, la formaldeide è libera di causare danni enormi nei nostri tessuti.

I sintomi di avvelenamento da metanolo sono molti e includono mal di testa, ronzio auricolare, vertigini, nausea, disturbi gastrointestinali, debolezza, brividi, vuoti di memoria, intorpidimento e dolori lancinanti agli arti, disturbi del comportamento e neuriti.


4) Floruro

Il fluoro è stato a lungo annunciato come la risposta alla carie dei denti, ma in questi ultimi anni, è stato messo molto in discussione e per una buona ragione. Uno studio innovativo pubblicato sulla rivista Langmuir 6 ha scoperto che lo strato di fluoroapatite presumibilmente benefica formata sui denti dal fluoruro è spessa appena sei nanometri.

Gli scienziati si chiedono se questo strato ultra-sottile possa effettivamente proteggere il nostro smalto e fornire un beneficio riconoscibile considerando il fatto che viene rapidamente eliminato per semplice masticazione.

Il dentifricio che contiene la naturale teobromina estratta da cacao, secondo uno studio, è più efficace per riparare e rimineralizzare la dentina (il tessuto che costituisce la maggior parte dei denti sotto lo smalto) rispetto al dentifricio al fluoro. 7

Senza considerare che dentifricio al fluoro è spesso la principale fonte di assunzione di fluoruro per i bambini ed è un fattore di rischio per la fluorosi dentale. Questo perché i bambini ingoiano una grande quantità di pasta che mettono in bocca.

In realtà, la ricerca ha dimostrato che frequentemente i bambini ingoiano più fluoruro dal dentifricio che con l'ingestione da tutte le altre fonti. 8

Ingoiare fluoruro è particolarmente dannoso per la salute. Come la scienza dimostra chiaramente, trattandosi di una sostanza chimica tossica che si accumula nei tessuti nel corso del tempo, produce una serie di gravi effetti sulla salute tra cui danni neurologici e disfunzioni endocrine.

I bambini sono particolarmente a rischio da sovraesposizione. Per un bambino piccolo, di conseguenza, è sconsigliabile utilizzare un dentifricio al fluoro e questo vale anche per gli adulti.


5) Glicole propilenico

Il glicole propilenico è un prodotto che industrialmente, viene utilizzato come antigelo, nelle vernici, negli smalti e sugli aerei per la rimozione del ghiaccio. In farmaceutica viene utilizzato in molti prodotti per la cura personale incluso, come tensioattivo, il dentifricio. La ricerca sulla sicurezza del glicole propilenico nei prodotti per la cura personale è carente ma è risaputo che è irritante per la pelle, per gli occhi, per i polmoni e può causare tossicità negli organi del corpo umano. 9 Questa chiaramente non è una sostanza da usare per lavarsi i denti.


6) Dietanolammina (DEA)

DEA si trova in molti prodotti schiumogeni come dentifricio. E conosciuto come interferente ormonale e può reagire con altri ingredienti per formare una potenziale sostanza cancerogena chiamata NDEA (N-nitrosodiethanolamine), che viene facilmente assorbita attraverso la pelle ed è stata collegata con lo sviluppo di tumori dello stomaco, dell'esofago, del fegato e della vescica.

L'Environmental Working Group (EWG), classifica la DEA al decimo posto (10) nel suo database dei cosmetici (il punteggio più tossico) a causa delle preoccupazioni di tossicità per gli organi del corpo, di contaminazione e irritazione con il rischio moderato di cancro. La California Environmental Protection Agency elenca la DEA come un possibile cancerogeno per l'uomo. 10

 

 

7) Microsfere

Sono piccole palline di plastica che si trovano nei detergenti per il corpo, creme per il viso, dentifrici e altro ancora. Le microsfere attraverso gli scarichi finiscono nell'ambiente. Le microsfere in plastica assorbono le tossine dall'acqua e finiscono nel corpo di una grande varietà di esseri marini e, infine, in quello degli esseri umani. Questa è una buona ragione per non scegliere i dentifrici contenenti eventuali microsfere.

Le microsfere che si trovano nel dentifricio Crest microperla sono state trovate intrappolate sotto le gengive dei pazienti e possono causare malattie gengivali. (11) Come conseguenza, la Procter & Gamble, che vende il dentifricio Crest, ha riferito che avrebbe smesso di utilizzare le microsfere entro il 2016. Ma mentre sembra che l'utilizzo di microsfere stia per terminare, il Consiglio Prodotti per la cura personale (PCPC) sta facendo pressioni affinchè le microperle in plastica biodegradabile come l'acido polilattico (PLA) rimangano utilizzabili nei prodotti per la cura personale.


Come preparare un buon dentifricio a casa propria

E 'possibile preparare il proprio dentifricio in casa propria ed evitare molte delle insidie proprie dei dentifrici commerciali. Il primo ingrediente è l'olio di cocco, che è stato testato ed è efficace contro batteri Streptococcus, che sono comunemente presenti nella bocca. Le ricerche hanno scoperto che l'olio di cocco trattato con enzimi in un processo simile alla digestione, inibisce fortemente la crescita della maggior parte dei ceppi di batteri Streptococcus, tra lo Streptococcus mutans, un batterio che produce acido ed è una delle principali cause di carie. (12)

Si ritiene che la trasformazione degli acidi grassi dell'olio di cocco mediante enzimi produca acidi tossici per alcuni batteri (13)

Il ricercatore capo Dr. Damien Brady sostiene che: "Integrare i prodotti per l'igiene dentale con olio di cocco trattato con gli enzimi costituirebbe una valida alternativa agli additivi chimici, in particolare in quanto agisce a concentrazioni relativamente basse. Inoltre, con l'aumento della resistenza agli antibiotici è importante che rivolgiamo la nostra attenzione a nuovi modi per curare le infezioni batteriche ".

 

 

Dentifricio preparato in casa con menta piperita e olio di cocco (14)

 

ingredienti:

1/2 tazza di bentonite argilla

1/8 cucchiaino di sale

2 cucchiaini di bicarbonato di sodio

2/3 di tazza di acqua

1/4 di tazza di olio di cocco

1 cucchiaino. stevia (opzionale)

Da 1 a 4 gocce di olio essenziale di menta piperita

preparazione:

Mescolare l'argilla e il sale in una ciotola. Aggiungere l'acqua. Mescolare bene. Aggiungere il resto degli ingredienti. Mescolare bene di nuovo fino a formare una pasta. Conservare in un barattolo con un coperchio. Ogni volta che si usa, con cucchiaino metterne un po' sullo spazzolino da denti. Inumidire la pasta mettendo lo spazzolino sotto l'acqua dolcemente e spazzolare come di consueto.

Se per qualche motivo si preferisce un dentifricio senza olio di cocco, si può anche provare questa ricetta sufficiente per tre cicli di pulizia: (15)


Dentifricio fatto in casa con bicarbonato e olio essenziale di menta piperita


ingredienti:

1 cucchiaino. bicarbonato di sodio

1 goccia di menta piperita o olio essenziale di limone

Alcune gocce di acqua

preparazione:

Mescolare in una ciotola fino a formare la pasta. Poi lavarsi i denti.

 

 

La dieta è un fattore importante per la prevenzione della carie

 

Quando si tratta di mantenere una buona salute orale, spazzolino e filo interdentale sono importanti, ma non si può negare pure il ruolo della dieta. Lo zucchero, in particolare, è il colpevole primario. Come riportato da Medical News Today: (21)

"Ci sono prove schiaccianti che gli zuccheri sono il fattore dietetico più importante nelle patologie dentali. In particolare, è la quantità e la frequenza degli zuccheri consumati che determinano la gravità nella perdita dei denti. Consumare una varietà di cibi ricchi di nutrienti ed evitare quelli che contengono zuccheri e amidi è importante per mantenere denti e gengive sane ...lo zucchero e i dolci devono essere assunti con molta moderazione dato che i batteri presenti nella bocca hanno bisogno di zucchero per produrre gli acidi che indeboliscono lo smalto e danneggiano i denti.

Ogni volta che lo zucchero va a contatto con i denti inizia il processo di demineralizzazione e il ritorno alle normali condizioni di pH nella bocca può richiedere fino a un'ora. "

Tutto ciò aiuta a ricordare che il mantenimento della salute orale dipende dall'equilibrio dei batteri nella bocca. Tagliare il consumo dello zucchero è fondamentale per questo processo e il consumo di verdure fermentate dminuisce drasticamente l'accumulo di placca. Il Dr. Gerry Curatola, fondatore di Rejuvenation Dentistry, che ha oltre 30 anni di esperienza in odontoiatria biologica, ha spiegato:

"Bisogna pensare a mantenere l'equilibrio ... Il modo in cui lo si può fare è attraverso un protocollo nutrizionale, sano e bilanciato che chiamo nutrizione – tripla A - alcalinizzante, ricca di antiossidanti e di antinfiammatori. Tutti dovrebbero sapere quali cibi sono infiammatori. Ci sono prodotti che scatenano l'infiammazione, che si tratti di glutine, di prodotti lattiero-caseari e un certo numero di altri. Possono variare da individuo a individuo. "

Oltre a una dieta alcalinizzante, ricca di antiossidanti e antinfiammatori, si raccomanda di eliminare i prodotti a base di detergenti come i dentifrici, i prodotti antibatterici per l'igiene personale e i collutori a base di alcol.