Alimentazione e cancro

(Pubblicato il 30 luglio 2016)

E' possibile che un danno cromosomico sia semplicemente un marcatore per il cancro e non la vera causa della malattia?  Prove convincenti indicano che è questo il caso.

 

In una sua conferenza il chirurgo ortopedico dottor Gary Fettke illustra alcune di queste prove. 

Gary Fettke che ha dovuto combattere contro il cancro personalmente è arrivato a rendersi conto dell'influenza dell'alimentazione su questa temibile patologia e sottolinea l'importanza di una dieta ad alto contenuto in grassi salutari e povera di carboidrati netti (carboidrati totali meno il contenuto in fibra).

 

Fettke non è il solo sostenitore di questo modello metabolico del cancro. All'inizio di quest'anno Travis Christofferson, autore di un libro eccezionale chiamato "Tripping Over the Truth: The Return of the Metabolic Theory of Cancer” mette in luce un percorso nuovo e pieno di speranze per la cura della insidiosa malattia.

 

Il modello metabolico del Cancro

 

Il progetto Cancer Genome Atlas che ha avuto inizio nel 2006, si proponeva di sequenziare il genoma delle cellule tumorali. E 'stato il progetto del governo USA più grande mai concepito, che ha coinvolto 10.000 volte la quantità del sequenziamento genetico svolto dall'Human Genome Project. Purtroppo, i risultati non sono stati conformi alle aspettative iniziali.

 

La ricerca ha mostrato chiaramente che qualcosa di diverso dalla mera mutazione genetica era in gioco. Le mutazioni trovate nelle cellule tumorali erano semplicemente troppo casuali. Alcuni tipi di cancro non erano nemmeno determinati da mutazioni genetiche. Quale poteva quindi essere il fattore causale?

 

In poche parole, il difetto genetico, in genere ritenuto responsabile del cancro, in realtà si verifica più a valle. Il danno mitocondriale avviene prima, poi si innescano le mutazioni genetiche che possono portare al cancro.

 

Inoltre, gli scienziati stanno ora scoprendo che la disfunzione mitocondriale è alla base di quasi tutte le malattie ponendola al centro di quasi ogni programma di prevenzione, di benessere o di terapia.

 

Come osserva Fettke, una delle considerazioni principali è il metabolismo del glucosio all'interno dei mitocondri - una teoria inizialmente portata avanti dal Dr. Otto Warburg nel 1920.

 

 

Nel 1931, Warburg ottenne il Premio Nobel per la Medicina per aver scoperto come le cellule tumorali abbiano un metabolismo energetico fondamentalmente diverso rispetto alle cellule sane. Le cellule tumorali, secondo Warburg non hanno la stessa flessibilità metabolica di quelle sane.

 

Le cellule tumorali metabolicamente si possono nutrire solo di zucchero

Una cellula può produrre energia sia per via aerobica, nei mitocondri, che anaerobica, nel citoplasma. Il metabolismo anaerobico genera livelli eccessivi di acido lattico che possono essere tossici.

 

Warburg scoprì che in presenza di ossigeno, le cellule tumorali danno una sovrapproduzione di acido lattico, questo è diventato noto come effetto Warburg. Che cosa ci dice tutto ciò sulle origini nutrizionali del cancro? In poche parole, i risultati di Warburg ci dicono che “lo zucchero alimenta il cancro mentre i grassi lo riducono alla "fame".

 

Le cellule sane possono utilizzare il glucosio o i corpi chetonici da grassi come fonte di energia, ma il cancro, metabolicamente, può utilizzare solo il glucosio. Le cellule tumorali per la maggior parte mancano di flessibilità metabolica, semplicemente non possono metabolizzare i chetoni e questo è il motivo per cui la chetosi nutrizionale sembra così efficace contro il cancro.

 

Il cancro potrebbe effettivamente essere più accuratamente classificato come una malattia metabolica mitocondriale. Poche persone ereditano i geni che predispongono al cancro. La maggior parte ereditano i geni che impediscono il cancro. Mutazioni ereditarie tipicamente danneggiano la funzione dei mitocondri e, l'accresciuto rischio di cancro è il risultato di tale debolezza.

 

La buona notizia è che si può ottimizzare la funzione mitocondriale affrontando alcuni fattori dello stile di vita come la dieta e l'esercizio fisico, questa conoscenza, apre un nuovo modo di considerare e di trattare il cancro.

 

Come ha spiegato Fettke, il modello metabolico del cancro "si basa su energia e crescita. Le mutazioni cromosomiche casuali sono secondarie."

 

Per di più: "Tutte le cellule richiedono una fonte di energia da adenosina trifosfato (ATP). Esse richiedono inoltre sostanze per la ricostruzione che sono o di provenienza locale o trasportati nelle cellule normali per convertire il glucosio principalmente in ATP e una piccola parte per la manutenzione.

 

Le cellule tumorali fanno il contrario. C'è una deviazione del glucosio dalla produzione di ATP verso i materiali necessari per la crescita delle cellule ... Gli altri materiali richiedono proteine e grassi e il cancro li sottrae ai tessuti che lo circondano.

 

L'invasione dei tessuti circostanti dà la misura di come il cancro si diffonde e va in metastasi ... La forza trainante di tutto questo è la produzione di radicali liberi.

 

La produzione di radicali liberi poi provoca il danno al DNA in modo casuale, e causa le anomalie cromosomiche. Quindi, se siamo in grado di trovare la fonte dei radicali liberi, potremmo meglio orientarci. "

 

 

I cibi trasformati possono favorire il cancro

Cosa favorisce la produzione dei radicali liberi? L'infiammazione è una causa importante e la nostra moderna dieta, basata su alimenti trasformati è altamente infiammatoria.

 

Colpevoli principali sono i grassi polinsaturi (PUFA), i grassi trans e lo zucchero in tutte le sue forme, fruttosio soprattutto (tipo quello sotto forma sciroppo ricavato dal mais, così come i cereali raffinati). Anche gli ingredienti artificiali possono promuovere l'infiammazione.

 

Riducendo la quantità di carboidrati netti che si assumono, si possono raggiungere 4 obiettivi che si tradurranno nell'abbassamento dell'infiammazione e nella riduzione della la crescita del cancro.

 

Si otterrà in particolare:

  • la diminuzione del livello di glucosio nel siero

  • la riduzione del livello di mTOR

  • la riduzione del livello di insulina

  • una produzione più bassa di fattore di crescita insulino simile (IGF-1), un ormone potente che agisce sulla ghiandola pituitaria per indurre effetti metabolici ed endocrini, tra cui la crescita delle cellule e la loro moltiplicazione. Elevati livelli di IGF-1 sono associati con il cancro al seno e ad altri tumori.

 

In effetti, uno dei motivi fondamentali per cui una dieta ad alto contenuto di grassi e a basso contenuto di carboidrati netti (chetosi nutrizionale) funziona così bene è perché riduce quasi del tutto l'infiammazione. Quando l'infiammazione scompare, si può verificare la remissione del cancro.

 

 

Cosa richiede il cancro per svilupparsi

Per prosperare e crescere, le cellule tumorali hanno bisogno di carburante sotto forma di glucosio, più sostanze da costruzione sotto forma di proteine, di acidi grassi, di fosfato e di acetato. Questi materiali da costruzione non sono facilmente disponibili nel flusso sanguigno per cui vengono sottratti dalle cellule tumorali alle cellule circostanti.

 

Il processo che permette alle cellule tumorali di invadere il tessuto circostante è conosciuto come l'Effetto di Warburg Inverso. Questo effetto si basa sulla generazione di perossido di idrogeno causata dall'interazione tra i radicali liberi e l'acqua.

 

Così un cancro invasivo o metastatico, in sostanza è il risultato dell'Effetto Warburg e dell'Effetto di Warburg Inverso. Come notato da Fettke, conoscendo tutto questo si approda ad una nuova serie di possibilità di prevenzione e trattamento del cancro, tra cui le seguenti:

  • Limitare o eliminare lo zucchero e i carboidrati netti (carboidrati meno fibra) per evitare di alimentare le cellule tumorali

  • Limitare o eliminare oli e grassi trans PUFA per prevenire la formazione di radicali liberi nocivi e piccole particelle dannose di colesterolo LDL

  • Limitare l'assunzione di proteine (viene consigliato di usare una formulazione con mezzo grammo di proteine per chilo di massa magra) per evitare di stimolare l'mTOR

  • Aumentare l'assunzione di antiossidanti (con il cibo e/o con integratori) per contrastare i danni dei radicali liberi

  • Aumentare l'assunzione di grassi salutari per nutrire le cellule sane e affamare le cellule tumorali

 

L'importanza della dieta per la cura del cancro

L'aspetto fondamentale che deve essere affrontato è il difetto metabolico mitocondriale e questo comporta la riduzione drastica dei carboidrati nella dieta e l'aumento dei grassi di alta qualità.

Ciò non significa che occorre adottare una dieta complessivamente a basso contenuto in carboidrati. È necessario includere molte verdure fresche, biologiche, ricche di fibra e povere di carboidrati.

 

Si può effettivamente assumere una buona quantità di verdura al giorno le cui fibre saranno convertite in acidi grassi a catena corta. Permetterà di migliorare la capacità di bruciare i grassi come fonte di carburante e contemporaneamente nutrire il microbioma intestinale.

 

È possibile sostituire i carboidrati raffinati e senza fibre con grassi salutari fino al 70/85 per cento del fabbisogno calorico insieme ad una moderata quantità di proteine di alta qualità. L'eccessiva assunzione di proteine può innescare la crescita del cancro stimolando l'mTOR, che accelera la crescita tumorale. Questa è davvero la soluzione. Se non la si segue, gli altri trattamenti potrebbero non funzionare.

 

Secondo Fettke, gli studi hanno dimostrato che la chetosi nutrizionale, cioè assumere un alto contenuto di grassi con una dieta a basso contenuto di carboidrati netti, migliora significativamente i risultati della terapia nei pazienti sottoposti a trattamento convenzionale del cancro come la chemioterapia.

 

E 'anche importante ricordare che il glucosio è un combustibile intrinsecamente "sporco" che genera una forma di ossigeno molto più reattivo e radicali liberi secondari diversamente dall'utilizzo dei grassi. Per bruciare i grassi, le cellule devono essere sane e normali. Le cellule tumorali non hanno la flessibilità metabolica per bruciare i grassi e questo è il motivo per cui una sana dieta ricca di grassi risulta essere una efficace strategia anti-cancro.

 

Quando si passa dalla combustione del glucosio come combustibile primario alla combustione dei grassi, le cellule tumorali devono davvero lottare per rimanere in vita dato che la maggior parte dei loro mitocondri sono disfunzionali e non possono utilizzare in modo efficace l'ossigeno per bruciare il combustibile grasso. Allo stesso tempo, le cellule sane utilizzano i grassi, un combustibile ideale e preferito che abbassa il danno ossidativo e ottimizza la funzione mitocondriale. L'effetto risultante è che le cellule sane crescono bene, mentre le cellule tumorali sono ridotte alla fame.

 

 

Linee guida per la nutrizione mitocondriale salutare e per la prevenzione del cancro

Per una salute ottimale, è necessaria una quantità sufficiente di carboidrati, grassi e proteine. Tuttavia, dall'avvento dei prodotti alimentari trasformati e dell'agricoltura industriale è diventato sempre più importante essere specifici quando si parla di questi tipi di nutrienti. Ci sono grassi benefici e grassi nocivi. Idem per i carboidrati e proteine. Gran parte dei benefici o rischi sono legati al modo in cui il cibo è stato coltivato, e/o trasformato.

 

Per raggiungere la chetosi nutrizionale, è importante tenere traccia dei carboidrati netti e dell'assunzione di proteine totali. I carboidrati netti si calcolano prendendo la quantità totale dei carboidrati in grammi sottraendo la quantità di fibra contenuta negli stessi. Per una salute ottimale e la prevenzione delle malattie, viene consigliato di mantenere i carboidrati netti sotto i 40 o 50 grammi al giorno.

 

Il fabbisogno proteico ideale in termini di cibo

Notevoli quantità di proteine si possono trovare nella carne, nel pesce, nelle uova, nei latticini, nei legumi, nelle noci e nei semi. Alcune verdure contengono anche una generosa quantità di proteine, ad esempio i broccoli. Per determinare se si stanno assumendo troppe o poche proteine è sufficiente calcolare il fabbisogno giornaliero, sulla base della massa corporea magra e annotare tutto ciò che si mangia per alcuni giorni.

 

Quindi, calcolare la quantità di proteine assunte da tutte le fonti. Si considera 1 grammo di proteine per chilo di massa magra. Se in media si assume una quantità molto più elevata di quella ottimale diminuirla di conseguenza.

È possibile semplicemente tramite Google trovare rapidamente i grammi di proteine presenti nei vari tipi di cibo.

 

Attenzione ai grassi nocivi

Quando si tratta di grassi, è davvero fondamentale distinguere quelli sani da quelli non sani. La stragrande maggioranza delle persone mangiano grassi in realtà poco salubri. Come regola generale, è bene evitare tutti gli oli vegetali lavorati ed imbottigliati che sono in genere grassi omega-6 molto danneggiati. Anche l'olio extra vergine di oliva deve essere di qualità.

 

Un'altra regola generale: non temere i grassi saturi salutari! Sono benefici.

Le fonti di grassi saturi che si possono includere più nella dieta comprendono: 

  • Olio d'oliva extra vergine

  • Noci di cocco e olio di cocco

  • Burro a base di latte crudo biologico da animali nutriti con erba

  • Frutta a guscio, come ad esempio, macadamia e noci pecan e semi come sesamo, cumino, semi di zucca e di canapa

  • Tuorli d'uovo biologici da galline ruspanti

  • Avocado

  • Carni di animali allevati al pascolo

  • Lardo, sego e ghee

  • Grassi omega-3 come l'olio di merluzzo e di krill

 

Il caso del Dr. Peter Attia

Per avere un'idea di quanto la chetosi nutrizionale possa essere benefica per la salute, al di là della prevenzione del cancro, si consideri il caso del Dr. Peter Attia. Il suo esperimento è un chiaro esempio di come la dieta possa avere effetti sui marcatori generali di salute. Il dott. Attia è un medico dell'Università di Stanford appassionato della scienza metabolica che ha deciso di usare se stesso come una cavia da laboratorio con risultati incredibili.

 

Anche se il dott. Attia è sempre stato attivo e in forma, non ha avuto la genetica dalla sua parte. La sua naturale tendenza era verso la sindrome metabolica pur essendo molto diligente circa la sua dieta e l'esercizio fisico. Così ha deciso di sperimentare la chetosi nutrizionale per vedere se poteva migliorare il suo stato di salute generale.

 

Per un periodo di 10 anni, ha consumato l'80 per cento delle sue calorie da grassi sani e continuamente monitorato i suoi marcatori metabolici, quali i livelli di zucchero nel sangue, la percentuale di grasso corporeo, la pressione arteriosa, i livelli dei lipidi e altri ancora.

 

Ha ottenuto un miglioramento in ogni indicatore di salute, come si può vedere nella tabella sottostante. Una risonanza magnetica ha confermato la perdita non solo del grasso sottocutaneo ma anche del grasso viscerale, il tipo più dannoso. Il suo esperimento dimostra come la dieta può produrre grandi cambiamenti nel nostro corpo, anche quando si è relativamente in buona forma. Partendo con un basso livello di forma fisica, i cambiamenti che si verificano possono essere ancora più pronunciati.

 

 

PRIMA

DOPO

Zuccheri nel sangue a digiuno

100

Da 75 a 95

Percentuale di grasso corporeo

25

10

Circonferenza della vita in pollici

40

31

Pressione sanguigna

130/85

110/70

Colesterolo LDL

113

88

Colesterolo HDL

31

67

Trigliceridi

152

22

Sensibilità all'insulina

Aumentata del 400%

 

Microflora intestinale e cancro

Non possiamo renderci conto di quanto sia importante la condizione intestinale (nota come microbioma) per la prevenzione del cancro. Un articolo pubblicato su Bloomberg's Business News mostra come la scienza ufficiale finalmente consideri il ruolo fondamentale del microbioma intestinale per la salute e la prevenzione delle patologie.

 

Una buona flora intestinale aiuta a prevenire e a combattere il cancro. Questo è un dato di fatto. I batteri intestinali benefici sono la prima linea di difesa contro il cancro e molte altre malattie gravi. Questo si verifica in quanto viene rafforzato il sistema immunitario nelle aree che per prime vengono colpite dalle tossine, dai metalli pesanti, dai parassiti, funghi e batteri nocivi.

 

Coltivare il sistema che ci protegge da tante possibili invasioni di contaminanti esogeni dovrebbe essere di senso comune. Ma c'è da rimanere sconvolti da quanti nella comunità medica non riconoscono l'importanza del sistema gastrointestinale per la salute.

 

L'uomo della Roche, Daniel Chen, che dirige le ricerche immuno-terapeutiche sul cancro, ha detto: "Cinque anni fa, se mi aveste chiesto se i batteri nel nostro intestino giocano un ruolo importante nella risposta immunitaria sistemica, probabilmente mi sarei messo a ridere."

 Molti fanno ancora così, mentre i medici come me vogliono scuoterli e gridare: "Come si fa a non capire la scienza dietro a tutto questo? Come si fa a non vedere la connessione tra la salute dell'intestino e il cancro (le malattie cardiache, le malattie neurodegenerative, il dolore cronico ...)? "

 

 

Il ruolo del sistema immunitario contro il cancro

Al fine di rafforzare il sistema immunitario per prevenire il cancro (e molto altro), è necessario aumentare la buona flora intestinale. Si lascia che sia l'intestino a combattere il cancro.

 

Una ricerca presso l'Università di Chicago ha scoperto che aumentando i batteri intestinali nei topi (in particolare con il Bifidobacterium ) eguaglia i risultati dell'immunoterapia (utilizzando il sistema immunitario del corpo per attaccare il cancro) nel rallentare la crescita delle cellule tumorali del melanoma!

 

Hanno poi combinato le due modalità (batteri intestinali e immunoterapia) ed è stato raggiunto il successo paragonabile al trattamento con farmaci anti-cancro.

 

In un altro studio francese, riportato nell'articolo di Bloomberg i ricercatori hanno fatto notare che alcuni tipi di flora intestinale benefici si attivavano quando l'immunoterapia veniva somministrata.

 

Stiamo parlando di lotta contro il cancro senza la distruzione delle cellule sane nel corpo evitando assolutamente di danneggiare il sistema immunitario. La salute intestinale e la prevenzione del cancro vanno di pari passo .

 

Sembra che gli scienziati e i medici finalmente si rendano conto che ci sono modi migliori per combattere il cancro che consentono di evitare di distruggere tutte le cellule corpo attraverso terapie invasive.

 

La supremazia della flora intestinale nella lotta contro il cancro

Il microbioma umano è una rete incredibile di 100 miliardi di organismi che vivono nel e sul corpo. Sono costituiti da batteri benefici ma anche da funghi, virus e batteri che non sono benefici. Abbiamo bisogno di questo microcosmo per sopravvivere. Il rapporto tra loro e gli esseri umani che li portano in natura è simbiotico.

 

Gli antibiotici danneggiano questo rapporto in modo simile alla chemioterapia. La chemioterapia distrugge le cellule non cancerose e perfettamente sane assieme alle cellule cancerose. Allo stesso modo, gli antibiotici spazzano via tutti i batteri (quelli cattivi, nonché quelli indispensabili per vivere).

 

Distruggere ciò che ci mantiene in buona salute semplicemente non è un buon metodo terapeutico.

 

Tre importanti pilastri per vincere il cancro

Bollinger, una persona colpita famigliarmente dal cancro, ha deciso di girare il mondo per intervistare, filmando le interviste, tanti scienziati e medici di successo nel trattamento contro il cancro. Ha anche intervistato numerose persone colpite dal cancro che sono riuscite a sconfiggerlo.

 

Secondo Bollinger, la lotta contro il cancro si deve basare su tre importanti pilastri:

 

Primo pilastro – Pulizia emozionale:

Lo stress è noto nelle comunità tradizionali e nella medicina alternativa come una delle principali cause di infiammazione. Su questo tutti sono d'accordo (anche se la risposta della medicina tradizionale è diversa). L'infiammazione è un elemento costitutivo di tutte le malattie conosciute. In altre parole, lo stress favorisce il cancro, l'infarto, le malattie autoimmuni se gli si consente di controllare la propria vita.

 

Secondo pilastro - Disintossicazione:

 

L'inquinamento individuale è dannoso quanto l'inquinamento ambientale, e siamo circondati da entrambi. C'è una miriade di contaminanti nel suolo, nell'acqua e nell'aria. Ciò significa che queste tossine sono anche presenti nella nostra alimentazione. Il controllo dipende da noi. È possibile controllare ciò che si mette sul e nel nostro corpo e come si mantengono gli ambienti in cui viviamo per la maggior parte del nostro tempo (lo spazio di casa e di lavoro). Allora occorre intervenire per la rimozione del cocktail tossico dentro di se per cominciare bene.

 

Terzo pilastro - Dieta:

Chiunque (medico o altro) che sostiene che la dieta non influenza la salute o la capacità di combattere le malattie mente. Punto! La dieta è tutto . Ciò che si sceglie di mangiare può fare la differenza. Quindi gran parte della nostra cattiva salute dell'intestino è legata a ciò che mangiamo e beviamo.

 

Il modo più veloce per far sviluppare e rafforzare i batteri benefici è quello di seguire questi tre pilastri e quindi adottarli in ogni ambito della propria vita.

 

La salute intestinale e la prevenzione del cancro vanno di pari passo. E' probabile che questa sia la ragione principale per cui i popoli indigeni che hanno un tasso inesistente di cancro non si ammalano. Essi hanno di gran lunga una inferiore esposizione alle sostanze tossiche, non sono sopraffatti dallo stress, e consumano una dieta di cibi crudi e materie prime naturali che non vengono elaborati.

 

Inoltre non imbottiscono i loro corpi (o i corpi dei loro figli) con antibiotici ad ogni piccolo problema di salute. In realtà, essi non hanno alcuna esposizione ai farmaci! Sembra essere una delle differenze più significative.

 

Promuovere una sana microflora intestinale

L'ingestione di probiotici costa e le probabilità di successo sono scarse. Questi organismi semplicemente non prosperano in un ambiente inospitale. I tre pilastri sono cruciali. Iniziare con la pulizia emozionale e la disintossicazione .

Fatto questo, occorre un attacco alla dieta in due fasi:

 

Fase uno :

Assumere gli alimenti di cui i batteri intestinali benefici si nutrono per sopravvivere, sotto forma di pre-biotici: topinambur, cicoria, aglio, cipolle, porri, scalogno, asparagi, barbabietole, tarassaco, finocchio, piselli, cavoli, noci e semi.

 

Fase Due:

Incorporare una varietà di alimenti probiotici per diversificare i batteri sani nell'intestino. Colture attive a base di yogurt, kefir, tè Kombucha, tempeh, kimchi, crauti, verdure fermentate e pesce (sardine).

 

Possibilmente, si deve scegliere di allattare al seno i neonati. Il latte materno è una fonte incredibile di composti prebiotici naturali. Non c'è altra sostanza sulla terra altrettanto benefica. Il bambino assume i batteri dal canale vaginale della mamma e ottiene il nutrimento prebiotico per i batteri dal latte materno.

 

Il collegamento salute intestinale e il cancro è reale. Non vi è alcuna ragione per cui non si possa iniziare a nutrirsi oggi per prevenire il cancro o per combattere questa malattia terribile. Una volta che si inizia ad amare il proprio intestino, ci si sente incredibilmente bene!